rumore nella testa

Cinque sensi registrano l’ambiente intorno, confermano la mia presenza sulla Terra un giorno di maggio 2005. Odore di erba, verde intenso, qualcuno che mi mordicchia la manica, un respiro accanto all’orecchio. Sono vivo, sono seduto su un prato, un asino mi esplora in superficie alla ricerca di cibo, non indosso niente di commestibile, sbuffa insoddisfatto.
Da un terrazzo oltre la strada una signora ritira il bucato, si ferma a osservare la scena, rientra.

Due ore dopo l’ambiente è cambiato, odore di cibo dalla stanza accanto, le tinte vivaci delle copertine di decine di fumetti libri quaderni traboccano dagli scaffali, i polpastrelli registrano cubetti di plastica cedevoli sotto gli indici, mai imparato la dattilografia, l’unico suono è Evil Empire in riproduzione casuale. C’è un legame fra i due momenti, in entrambi la linea di un eventuale apparecchio collegato alla mia testa in grado di rilevare l’attività cerebrale risulterebbe piatta. Ho un unico pensiero abbastanza intenso da influenzare il pennino, il resto sono sensazioni, rumore di fondo, anche la risposta dell’editore che mi dice di trovarmi un lavoro serio mi lascia indifferente, me l’aspettavo, sono sincero. Se Aggie non avesse insistito non avrei neanche infilato il materiale nella busta.

Ken Parker Il Punitore La Compagnia Della Forca quando non Hornby Pavese Cervantes, altra carta da metabolizzare, musica per orecchie interne, quanti film ancora sigillati da infilare nel lettore, canzoni da decomprimere, persone da sfogliare, sono in perenne ritardo su me stesso, accumulo conoscenza invece di assorbirla, una vita sola non basta più.

Sabato domenica sabato domenica sabato domenica, come mettere insieme le mostre il teatro la partita il mare dove lo trovo il tempo di tirare giù due righe aggiornare acapistrani preparare ARTErnativa, avevo quattro blog due li ho praticamente lasciati.

Sono solo sensazioni rumore che ho nella testa, un solo pensiero e neanche tanto impegnativo, meno male che sabato vado allo stadio.

Annunci

Informazioni su grugef

probably the worst novelist in the world, supposing Federico Moccia was an alien. Vedi tutti gli articoli di grugef

E dimmelo dai, lo so che ci tieni!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: