occasioni mancate

Vedi certe volte a non sapere in tempo le cose, mentre sono qui a scrivere le mie cazzate su un blog che non leggerà nessuno perché il mondo ha di meglio da fare che stare a sentire i lamenti di uno zero come me, alla FNAC si esibisce il mio artista preferito, il mitico Fabri Fibra Non l’avevo mai cagato, finché non mi è capitato di sentire una sua canzone per radio, su Radio 3, a Fahreheit, fra un pezzo di percussioni africane e la presentazione di una biografia dell’inventore del kazoo. La canzone l’hanno tolta immediatamente, e il regista torturato coi chiodi arroventati, ma ormai le sue parole e i suoi ritmi trascinanti mi erano entrati nel sangue. Tornando a casa mi sono fermato in un negozio e ho comprato il suo ultimo disco, Tradimento, e da allora non ascolto altro.
Che crasto, ci sto troppo dentro! Questo qui spalanca da paura, mica come quei babbi di merda che si sentono per radio, buoni solo ad asciugare i coglioni!
C’è una sua canzone troppo figa, che dice

e mica è un caso che racconto di Carletto Giuliani
o di altra gente scomparsa dall’oggi al domani
se ti immedesimassi in me capiresti i miei piani
non sono poi cosi diverso dai tanti italiani
che la mattina vanno in bagno con le palle dei cani
al posto degli occhi per un turno e uno stipendo da infami
in un sistema che è meglio se ne stiamo lontani

Cioè, anche un pezzo di denuncia, che parla del G8, che lui è un cantante che se vuole è anche impegnato, mica solo uno che fa le canzoni che piacciono ai pivelli, cioè, ci vogliono anche quelle, però certe volte devi anche fermarti a pensare a quello che succede, no?
E poi ce n’è anche un’altra, che il sito del Mentelocale dice che è un manifesto duro, che uno se vuole può condividerlo o no, ma che comunque è un pezzo troppo duro, e che dice

Se c’è una cosa che odio è il rap positivo
quando penso che esisto già mi nausea essere vivo
sono un morto apparentemente un maniaco depressivo
in me non c’è niente di umano specie quando scrivo

Anch’io mi sono messo a scrivere il rap come il mio idolo Fabri Fibra, poi glielo portavo quando veniva a Genova, solo che non l’ho letto che veniva oggi e così ho perso troppo la mia grande occasione. Che poi non è vero che l’ho persa perché ho letto che viene anche al Goa Boa insieme a quel fallito di Mondomarcio, che a mia sorella ci piace troppo ma a me non mi piace che sembra che cià la bocca che stava mangiando e gli hanno detto “oh Mondomarcio, tocca a te!”, e lui si è infilato il boccone in bocca ed è salito sul palco e mentre canta mastica.
Quando viene a Genova Fabri Fibra gli porto il mio cidi con la canzone che ho scritto e che ho dedicato alla mia ragazza, e che fa così

Quando ti ho vista camminare per la via
mi sono sentito la testa andare via
mi sono sentito come l’epifania
che tutte le feste si porta via
e sono salito come su una funivia
ma senza la cabina e infatti sono caduto subito
sarà per quello che non mi hai cagato e sei andata via
Ma per fortuna mia
andavi da mia zia
che stava in quella via
e non ti ha fatto più andar via
così sono arrivato e ti ho fatta mia
da mia zia
che per non dar fastidio è andata via
in una casa che ha in Val Badìa
e meno male sennò menavo anche lei

Annunci

Informazioni su grugef

probably the worst novelist in the world, supposing Federico Moccia was an alien. Vedi tutti gli articoli di grugef

E dimmelo dai, lo so che ci tieni!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: