coccodrillo

Rick Wright, tastierista dei Pink Floyd, era solito rimproverare i suoi figli, quando tornava a casa e li trovava con un ago nel braccio: “Se continui a drogarti così finirai come Syd Barrett!”, e loro gli rispondevano “Che palle papà, non esiste Syd Barrett, è una leggenda che avete inventato voi quando eravate ragazzi!”.
E invece il vecchio Syd esisteva davvero, almeno fino a un paio di giorni fa, e non si curava di essere preso come cattivo esempio dai suoi vecchi compagni d’avventura. Neanche quando gli telefonava David Gilmour, e gli raccontava che la moglie tornava dal supermercato con la Ferrari ridotta a un canestro, e lui la rimbrottava dicendole che guidava come Syd Barrett. O come quando arrivava Roger Waters nella sua casetta di Cambridge, e gli raccontava bestemmiando che Gilmour gli aveva chiesto di rimettersi a suonare insieme, e lui gli aveva risposto di andare a fare in Syd Barrett. Il vecchio Syd non si crucciava neanche un po’, stava lì a guardarli, sempre sorridente, gonfio come un’anguria.

Sandman

Aveva la testa piena di semini neri Syd Barrett, già nei primi anni ’60, quando convinse Wright, Mason e Waters a fondare i Pink Floyd e a suonare al Marquèe e all’UFO. E ce l’aveva ancora piena qualche anno più tardi, quando dopo due album tornò a proporre loro di fondare “un grandioso gruppo psichedelico destinato a diventare leggenda: i Pink Floyd!”
I compagni erano abituati alle sue stranezze, e si limitarono a ricordargli che l’aveva già fondati una volta, e di prendere le pastiglie di fosforo che gli aveva prescritto il medico, ma il vecchio Syd non si perse d’animo, e tornò alla carica la settimana seguente, proponendo loro di fondare le Spice Girls. Lui avrebbe fatto Geri, Waters poteva fare Victoria, per gli altri ci si sarebbe messi d’accordo.
Waters, tifoso dell’Arsenal, non sopportò l’idea di dovere un giorno sposare un giocatore del Manchester United, e lo mandò a fare in Syd Barrett.

Quel che successe dopo non è chiaro, nei Pink Floyd sopraggiunse David Gilmour e la strada del gruppo prese altre vie, il vecchio Syd si ritirò a vita privata, nauseato dallo star system che non gli permetteva di fondare un grandioso gruppo psichedelico destinato a diventare leggenda ogni settimana, nè di diventare Ginger Spice.

Syd Barrett se n’è andato serenamente due giorni fa, ma era tanto bollito che si è premurato di mostrare i classici segni del decesso solo oggi.
Ma a noi piace ricordarlo ancora dietro al motore, mentre fa correre via la macchina a vapore, e non pelato e imbolsito per le strade di Cambridge, mentre cerca di convincere il giornalaio che i Pink Floyd senza di lui non sono nessuno, nonostante il loro singolo Spice Up Your Life sia uno dei più venduti della storia.

Annunci

Informazioni su grugef

probably the worst novelist in the world, supposing Federico Moccia was an alien. Vedi tutti gli articoli di grugef

E dimmelo dai, lo so che ci tieni!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: