messaggio alla nazione

messaggio alla nazioneCari Italiani e care Italiane,
ammazza come mi stringe questa cravatta, mi sembra di avere la testa come una bresaola! Ma non sono qui per raccontarvi i miei disagi, devo fare gli auguri al Paese, approfittando per parlare di cose importanti che riguardano la nostra società. Sicuramente il mio amico B16 avrà già detto quant’è necessario mantenere vivi i princìpi della cristianità, la famiglia, la fede, non imprecare nè commettere atti impuri, perciò non mi dilungherò oltre su quest’argomento. Tengo solo a ricordarvi che le coppie di fatto sono opera del demonio e i figli nati da esse sono destinati a una vita di sofferenza, e ve lo dico io perché viviamo in un Paese laico in cui l’ingerenza della Chiesa nella politica è sgradita e osteggiata, e non vorrei che le parole di B16 vi facessero andare di traverso il panettone.
Poi volevo parlarvi di questo nostro grande Paese che stenta a ripartire e rimettersi alla pari con gli altri, o almeno questo è quanto le malelingue si ostinano a farci sapere. La verità, cari Italiani e care Italiane, è un’altra, noi gli altri Paesi li abbiamo anche già superati! Guardate la Somalia, il Perù, l’Iraq, sono o non sono messi molto peggio di noi? E allora rilassatevi e godetevi queste feste, che va tutto benissimo!
L’ultimo argomento che intendo toccare riguarda le mie faccende personali. Questo 2006 mi ha portato a smarrire alcuni amici cari, quando li chiamo al cellulare non mi rispondono, se li aspetto sotto casa si fermano a dormire fuori, le lettere che spedisco loro mi tornano indietro, l’indirizzo email è chiuso. Mi spiace, vorrei che il 2007 mi desse la possibilità di redimermi per le colpe commesse verso di loro, e me li facesse ritrovare come un tempo, con la loro allegria e la loro voglia di vivere. O perlomeno che mi restituisse i soldi che mi devono, che ne ho un gran bisogno.

Ho finito, cari Italiani e care Italiane, mi congedo da voi con l’augurio di un ultimo dell’anno di botti e ciucche possibilmente lontano dalle Cappe, che se mi entrate molesti e mi tirate un raudo sotto il tavolo e volete pure da bere mi tocca mandarvi via.
Ammazza quanto stringe questa camicia, adesso me la levo..

Annunci

Informazioni su grugef

probably the worst novelist in the world, supposing Federico Moccia was an alien. Vedi tutti gli articoli di grugef

2 responses to “messaggio alla nazione

E dimmelo dai, lo so che ci tieni!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: