trì tù uàn..

Essonoinferiee!

Ora che ho a disposizione tredicotre settimane di vacanza in cui fare tutti i miei porcissimi comodi, posso mettere in atto il mio “piano diabbolico di trascorrimento delle ferie”, elaborato in un intero anno di fatiche di qui e di là.

Detto piano consiste in:

  • dormire fino a ore invereconde tipo le novemmezza unquartoalledieci;
  • scrivere il mio nuovo romanzo che parla di uno che non fa un cazzo tutto il giorno tranne starsene seduto a guardare il muro e contare da uno a fin quando ce la fa. E’ una specie di sfida con sè stesso, no? Deve sedersi lì e contare a voce alta uno, due, tre, quattro, e andare avanti finché non crolla, o impazzisce, o si fa la pipì addosso. Il mio nuovo romanzo racconterà delle privazioni che questo tizio è costretto a subire per poter portare a termine la sua grande impresa. Non me la sono inventata, è tratta da una storia vera, la mia, che quando avevo cinque anni mi sono fatto la pipì addosso perché non avevo voglia di alzarmi per andare in bagno;
  • svaccarmi in giardino a prendere il sole sulla sdraio;
  • andare a scroccare il pranzo a mio papà;
  • preparare cene elaborate per la gioia della mia fidanzata, che quando tornerà da lavorare stanca e disperata per le continue vessazioni subite e mi troverà in giro per casa in mutande, a grattarmi le balle con aria annoiata, avrà sicuramente voglia di pestarmi per sfogare quindici ore di aggressività repressa (forse non lo sapete, ma la mia fidanzata di lavoro cuce palloni in una fabbrica gestita da due ex SS e un deputato leghista), ma si addolcirà immediatamente quando vedrà quali prelibatezze le ho preparato;
  • portare Jack a fare lunghe passeggiate nei boschi, dove non si ode suono che non sia quello degli alberi che stormiscono, delle alci che garriscono, degli scoiattoli che finiscono sul fondo degli zaini (e qui ho fatto la citazione a un amico che l’avrete certo capita tutti quanti, visto che dei miei milioni di lettori ne siete rimasti solo i soliti cinquesei), dei leprotti avventurieri che esplorano i dintorni con timidi avvicinamenti saltellanti, delle ruspe che in punta di cingoli spianano il monte per costruirci un centro commerciale;
  • giocare con la pleistesciondue a svariati giochi fra cui Quellodellamacchinachedeviprenderelepatenti 4, Quellodellosnobòrdchedeviconquistarelamontagna 3, Quellodelcalcettodistradachedevicomprartironaldigno, Quellodellostudentechedevimenareicompagnidiscuola;
  • navigare su internient per leggere la pagina delle notizie sportive e non sportive ma che comunque gira che ti rigira parlano sempre del Genoa;
  • andare a vedere le amichevoli a Marassi ma solo quelle dove gioca la squadra che ha la maglia di due colori soltanto;
  • andare al mare;
  • preparare lo spettacolo di settembre in cui dovrò fare qualcosa a Villa Imperiale e non ho idea di cosa, tranne mi sa una figura di merda;
  • leggere dei bei libri anche se non so proprio quali, visto che quelli che stavo leggendo li ho finiti e mi è rimasto solo l’ultimo di Baricco che non ne ho proprio voglia ma niente eh, che per leggere Baricco devi avere la mente abbariccata, e ora come ora non ce l’ho affatto;
  • guardarmi tutte le puntate di Gundam che mi sono rimaste lì da vedere.

Mi sa che per fare tutto non mi basteranno tre settimane. Io non so come fanno quelli che dicono che se diventassero miliardari e non dovessero più andare a lavorare non saprebbero come passare le giornate e cadrebbero in depressione.

Annunci

Informazioni su grugef

probably the worst novelist in the world, supposing Federico Moccia was an alien. Vedi tutti gli articoli di grugef

6 responses to “trì tù uàn..

E dimmelo dai, lo so che ci tieni!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: