dei malefici effetti che i crostini hanno sull’organismo, soprattutto se assunti prima di coricarsi

Ero in una grande città, New York o Parigi, e c’era Jackie Chan che mi inseguiva per picchiarmi. Non che fosse arrabbiato con me, ti pare che faccio incazzare Jackie Chan, ma qualcuno me l’aveva aizzato contro, e nella sua testa lui voleva solo insegnarmi a difendermi, ma nonostante le buone intenzioni sapevo che sarebbe stata una pioggia di schiaffoni, e cercavo di evitarlo correndo giù per le scale di un palazzo.

Non dovrei mangiare crostini con l’aglio prima di andare a dormire, la volta scorsa gli zombi, stanotte Jackie Chan, mai che si possa dormire tranquilli; per fortuna, dopo aver saltato gli scalini a quattro a quattro col rumore di lui dietro che faceva le piroette per arrivarmi prima sulla schiena, ho trovato un ascensore aperto e sono riuscito a seminarlo, salendo invece di scendere; poi ne ho preso un altro e sono sceso fino alla stazione, poi ho preso il treno superveloce che ti porta all’aeroporto, ma ero senza biglietto e di fianco a me c’era il controllore, che ad un certo punto mi ha parlato e ho temuto il peggio, ma voleva solo sapere se mi dava fastidio il finestrino aperto. No no, l’ho rassicurato, ma quand’è suonata la sveglia avevo tutto il collo rigido e un principio di raffreddore. Così adesso siamo in tre, io, El Bastardo e Frida, col naso che gocciola e gli occhi lucidi.

Il veterinario mi ha prescritto delle pastiglie, ma per i gatti non so davvero cosa fare, ho paura che possano attaccare il virus a tutti, stavo pensando di abbandonarli vicino all’autostrada; non sarebbe una cosa difficile, mi basta andarmene e lasciarli dove sono, è l’unico vantaggio di abitare davanti all’A7. Si, ci sarebbe anche quella cosa che ogni tanto si ribalta un camion e riesci a saccheggiarne il contenuto prima che arrivino i soccorsi, ma da quando vivo qui è successo una volta sola, ed era materiale troppo ingombrante per potermici riempire casa. E poi uno cosa se ne fa di tanti bidoni pieni di trucioli di ferro? Quando ne hai uno ce ne cresce.

Adesso ogni mattina presto, quando porto a spasso il cane, riempio un secchiello di trucioli e vado a svuotarlo nello Scrivia, approfittando dell’oscurità. Mi piace il rumore che fanno rimbalzando contro le pietre, e quando la luce dei grossi fari della ferrovia ci si riflette contro sembrano tante stelle cadenti, è uno spettacolo incredibile.

La presenza dei trucioli di ferro nella mia vita mi ha anche portato a rivedere la mia spiritualità in un modo che non credevo possibile: ho ricominciato ad andare in chiesa.
Potrei dire che un grosso cilindro metallico in mezzo al salotto è una presenza a suo modo mistica, che in qualche modo mi ricorda Dio, magari non quello con la barba bianca e i capelli lunghi da hippie che punta il dito contro Adamo, piuttosto quello triangolare con un occhio nel mezzo, siamo sempre nell’ambito delle figure geometriche, no?

Potrei anche dirlo, però le mie ragioni sono più legate alla questione dello smaltimento dei trucioli: tutte le domeniche mi riempio le tasche di questi batuffoli di ferro e durante la messa li lascio cadere nella cassetta delle offerte; ci vuole una certa attenzione a maneggiarli, sono molto taglienti, se non si indossano dei guanti appropriati c’è il rischio di procurarsi delle lacerazioni profonde alle mani, ma ormai ho acquisito una certa dimestichezza, riesco ad infilarli nella fessura delle monetine senza destare il minimo sospetto; di più, certe signore beghine sono venute a complimentarsi per la mia devozione e per la generosità che mostro ogni domenica, mi chiamano benefattore, le ingenue.

Dalla mia posizione in fondo alla navata laterale riesco anche a godere degli effetti collaterali della mia attività settimanale: dapprincipio il parroco, poi il sacrestano, quindi l’anziano omino della questua e infine i chierichetti hanno cominciato a sfoggiare vistosi cerotti alle dita, segno che l’idea di rovesciare la cassetta sul pavimento prima di raccogliere le offerte non è ancora passata per la testa a nessuno. Sorrido, sono certo che prima o poi verrà il turno del campanaro, e allora vedremo se avrà ancora voglia di strimpellare l’intero repertorio di successi mariani degli ultimi quattro secoli ogni mattina alle sette, quel rompicoglioni!

Annunci

Informazioni su grugef

probably the worst novelist in the world, supposing Federico Moccia was an alien. Vedi tutti gli articoli di grugef

4 responses to “dei malefici effetti che i crostini hanno sull’organismo, soprattutto se assunti prima di coricarsi

  • hardla

    tu sei decisamente poco logico, hai l’opportunità di inaugurare un magnifico circolo virtuoso e te le lasci scappare così? guarda che se come primo dono della A7 hai ricevuto dei trucioli metallici, c’è un motivo.

    spargili sulla A7, mi sembra così ovvio!

    così avrai l’opportunità di far ribaltare altri camion, con altri preziosi doni da portare a casa.

    è un po’ come ricevere una lampada magica e usare i 3 desideri per chiedere dei panini imbottiti, invece che chiedere infiniti desideri per il futuro.

    io certe volte proprio non ti capisco….

  • Pablo

    E credi che non ci abbia pensato? Il problema è che i trucioli sono sottili e le ruote li schiacciano senza subire alcun danno.

    La questione del genio invece è un po’ più complessa:

    dal 1959 il sindacato dei geni ha ottenuto il riconoscimento di un diritto fondamentale, quello che i desideri esauditi non debbano ritorcersi contro l’esaudente; in altre parole è proibito all’utente esprimere un desiderio che possa influenzare la capacità del genio di esaudirli, cosa che in tempi passati ha creato dei brutti rapporti di schiavitù fra genio e utente. Oggi i geni possono fregiarsi del titolo di libero professionista e passare in piena libertà da un padrone di lampada all’altro.
    Il problema, casomai, è che le lampade ad olio si fanno sempre più rare, e questo sta portando i geni all’estinzione. Esiste un movimento che cerca di impedirlo trasferendo le povere creature dentro altre suppellettili, ma si teme che un futuro Genio Del Termosifone farà perdere alla categoria tutto il suo fascino esotico, infierendo il colpo di grazia alla categoria, invece di salvarla.

  • Secchin

    Quei trucccioli di ferro valgono oro a rivenderli! Se me li porti ti do il 2.. il 15 per cento di quello che ci ricavo

  • Pablo

    Il 17 o non esco neanche di casa.

E dimmelo dai, lo so che ci tieni!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: