Archivi categoria: ECLN

Piazza De Ferrari cerca occupazione

Gli italiani sono un popolo ben strano, gli aumenti le tasse e se ne stanno, gli metti un puttaniere come presidente e se ne stanno, glielo metti pregiudicato, mafioso, lo circondi di nostalgici del regime, piccoli e grandi delinquenti, e questi niente, imperterriti, al limite mugugnano al bar prima di aprire la Gazzetta e vedere se l’Inter si tiene Milito.
Poi scoppia la rivolta in Tunisia, e tutti dicono che eh, ci vorrebbe qui da noi, che questa classe politica sarebbe da mandare via a calci, però alla fine non succede niente. Scoppia la rivolta anche in Egitto, e tutti dai che forse è la volta che ci svegliamo, epperò niente neanche stavolta, l’Inter pare che Milito se lo tenga, vai un po’ a vedere chi compra il Milan.
Un giorno in Spagna, che ha un governo che magari non è il migliore del mondo, ma che qui ce lo sogniamo di notte, decidono che non si sentono abbastanza rappresentati, che la loro non è mica democrazia e scendono in piazza, e sono tanti.
Ora dico, la Spagna non ha un governo ridicolo come lo abbiamo noi, ha perfino un’opposizione reale, e sono tutti per strada a lamentarsi, possibile che noi no? A qualcuno viene su un conato di nazionalismo, che farsi superare dalla Libia ci sta, ma dalla Spagna no, eh?
Si sente in sottofondo l’inno nazionale, che nelle questioni di chi sia più figo fra gli stati europei è quello dei mondiali, e poo poppò poppo poo poo, ci si organizza per andare in piazza anche noi!

Oppure è solo finito il campionato e la sera non si aveva niente di meglio da fare, fatto sta che ci si dà appuntamento mercoledì 25 maggio in piazza De Ferrari.

Non è stato facile convincere le persone ad alzarsi dal divano, e le altre associazioni si sono messe subito di traverso, quelli della Sinistra Porcoddue non si sentono rappresentati dallo slogan e allora bisogna discutere di cosa scrivere sui cartelloni, sennò loro non ci vengono a far figure, e quelli dell’Opposizione Siamo Noi dicono che invece loro non sono d’accordo sul giorno, che il mercoledì hanno la partita a calcetto, poi ci sono quelli di Italia Svegliati che hanno dei dubbi su Piazza De Ferrari e vorrebbero fare il presidio alla stazione, mentre gli incazzati di Contro Tutti non vengono perché ci sono anche gli altri e loro contro-tutti-e-con-nessuno sennò devono cambiarsi il nome e allora bisogna fare una riunione di emergenza e fino alla settimana prossima non hanno tempo.

Insomma, alle nove in piazza ci siamo io, il Subcomandante e due ragazzi di un centro sociale che però hanno già detto di avere degli impegni. E basta.
Marzia parte subito con gli improperi danteschi, ahi genovesi popoli diversi, perché non sono io pel mondo spersa e invece sto qui insieme a voi morti di seghe? Ma io me ne vado a vivere in Olanda e vi frego tutti, merde!
“Guarda che così va a puttane l’endecasillabo”, commento, ma è inutile, quando parte per le sue crociate non ascolta più nessuno. Non mi resta che tirare fuori il picino e mettermi a cercare una rete wi-fi per giocare a elements.

Come tiro fuori il computer comincia ad arrivare gente, erano già tutti lì in attesa di un segno, hanno visto un tizio con gli occhiali e il portatile e si sono avvicinati convinti di essere al cospetto dell’organizzatore occulto.

No, guardi, io sono solo uno, l’organizzatore non so chi sia”, vorrei dire loro, ma Marzia è in piedi sul muretto ad arringare la folla col piglio del leader, la mia presenza è ormai superflua, qui si fa la rivoluzione senza alcuna distinzione e sembra già di sentire la tromba di Roy Paci scandire il ritmo della protesta.

Arriva un gruppetto e ci dice che il vero organizzatore è un ragazzo con la maglia gialla, guardate, è quello laggiù che sta stendendo manifesti. Ci uniamo al gruppo e transumiamo presso la “base”, seguiti da quelli che nel frattempo si sono aggregati.

In un attimo in piazza ci sono un centinaio di persone, hanno slogan sulle lenzuola, manifesti a pennarello, hanno la faccia da studenti, qualcuno ha portato la tenda, altri la birra, tutti quanti la curiosità di vedere cosa succede. Gira un tizio con una telecamera da reporter, intervista l’organizzatore, poi un punk, che fa sempre scena, poi sparisce, ed è l’unico contatto con l’informazione che il presidio ha in tutta la sera.

I ragazzi che hanno organizzato l’incontro tirano fuori due megafoni da bambini e chiedono ai presenti di sedersi, e la maggior parte lo fanno, poi si presentano e leggono il loro volantino, ma non si sente veramente un cazzo di quello che dicono, e la gente comincia a sbuffare.

Interviene qualcuno a lamentarsi della situazione italiana, gli organizzatori dicono che va bene, ma che ci vorrebbero delle idee, sennò stiamo in piazza a fare niente. Un tizio, che credo appartenga a un centro sociale, dice che bisogna fare casino in via XX Settembre, alla Regione, butta là un “saccheggiare” che non viene preso sul serio da nessuno. Ancora gli organizzatori apprezzano, ma non ci sarebbero idee migliori? Tipo come mantenere il presidio più a lungo?
Più che all’avanguardia di una rivoluzione sembra di essere ad un gruppo di autoaiuto, commenta qualcuno.
Una ragazza propone di portare strumenti e suonare, occupare la piazza occupando il tempo.

Poi prende la parola un ragazzo con la barba e i pantaloni col cavallo basso, alla turca, dice di essere appena arrivato e di non sapere cosa succede, però ha capito che a parte l’entusiasmo lì non c’è altro, e tira su un pippone sulla lotta di classe e su come ostacolare il potere colpendolo nel portafoglio. Restano tutti un po’ spiazzati, che ad alzarsi e dire che una manifestazione è male organizzata è capace chiunque, più complesso è suggerire qualcosa di concreto, ma poi viene fuori che il tizio appartiene al gruppo di Quelli Che Lo Hanno Fatto Prima E Meglio; è l’ultimo rappresentante della sinistra che mancava all’appello, ci si chiedeva che fine avesse fatto, qualcuno temeva uno scontro con le forze dell’ordine, che Quelli Che Lo Hanno Fatto Prima E Meglio ci si picchiano sempre con la polizia, fa parte del loro rito di riappropriazione del territorio. In effetti tendono a riappropriarsi sempre del territorio di cui si sta già riappropriando pacificamente qualcun altro, come se fosse l’unico territorio riappropriabile, e di solito finisce che il territorio poi viene riappropriato solo dai lacrimogeni e da qualche cassonetto ribaltato, e non resta che andare a riappropriarsi di un territorio un po’ più in là.
Cavallo Basso elenca i maggiori successi del suo gruppo d’azione, occupazione di scuole, autostrade, stazioni e autogrill, ma non devono essere stati particolarmente efficaci, perché alla fine l’Italia è nella stessa merda in cui si trovava quindici anni fa, grazie tante. Forse sarebbe ora di cambiare strategia.

Fa una comparsata anche Don Gallo, ma resta ai margini dell’assembramento, discute con qualcuno e poi va via senza prendere la parola. Peccato, magari poteva dare un po’ di slancio. Più probabilmente avrebbe tenuto banco fino allo sfinimento (suo o nostro) e si sarebbe dovuto strappargli il microfono a forza.

Verso le undici e mezza decidiamo che va bene così, il megafono passa di mano senza soste, ma nessuno ha ancora buttato giù un piano, anche di breve durata. Si parla di aggiornarsi a sabato sera, in piazza ci sarà anche una festa, si potrebbe cercare di usarla come trampolino. Più che altro si parla, si parla, ma di concreto poco.

E si che c’è appena stata la manifestazione degli operai di Fincantieri, ce ne sarebbe da fare, contattarli, farli venire a parlare, agganciarsi alle altre piazze d’Italia, visto che con le altre associazioni di Genova non c’è dialogo, che sono tutti degli snob di merda.

Speriamo che la notte porti consiglio..


colpo di stato

“Sono tornata!”, ha detto il Subcomandante Marzia appena varcata la soglia dell’ECLN.
“Cos’è sto casino??”, ha aggiunto immediatamente dopo.
“Possibile che non vi si possa lasciare una settimana da soli senza che riduciate l’accampamento in un.. la casa in un accampamento? Questo non è al suo posto! Questo è sul divano da quando sono partita! Non hai fatto la lavatrice! Non hai pulito i pavimenti!”

Era partita una settimana prima per andare a insegnare la revoluciòn ai popoli oppressi del Porto Antico, lasciando ai suoi fidati luogotenenti il comando dell’Ejercito Cadigattista, ma al suo ritorno le cose non sembravano soddisfarla.

“E non mi soddisfano no! Questa caffettiera è sporca del caffè che ho preparato io dieci giorni fa! E questi calzini sono buttati lì da almeno otto! E questi pezzi di cylone cosa ci fanno sul mio tappeto? Ti avevo detto di assemblarlo e rispedirlo nello spazio!”

Io non sapevo cosa dire, ho guardato El Bastardo cercando di fargli ricadere la colpa addosso, ma lui ha prontamente indicato One Eyed Jack, che si è voltato a cercare Morelia Toñita De La Selva De Lacandona, che però era in giardino a prendere il sole. È stato inutile, il Subcomandante era infuriato e non sarebbe certo stato con lo scaricabarile che avremmo evitato la condanna.

“Siete tutti sottoposti a embrago, così imparate!”

Embargo? Ci siamo guardati tutti perplessi, l’ECLN non è una nazione dipendente dalle risorse estere, cosa ci avrebbe impedito di portare in casa il nostro jefe?

“El Bastardo e Morelia si vedranno bloccare i croccantini! One Eyed Jack le scatolette al manzo!”
“Quelle al manzo?”, ha protestato il gringo, “Non si potrebbero embargare quelle con la trippa, che mi fanno cagare?”. Anche i due baffudos hanno cercato di convincere il loro Subcomandante che non poteva togliere loro il pasto, e di cosa avrebbero campato? Ma Marzia era inflessibile. “Mangerete quello che saprete procurarvi!”

Ho dedicato ai poveri compañeros un’alzata di spalle, ma la revoluciòn richiede sacrifici. Me ne stavo andando di là a giocare con la pleistescio, quando il tiranno con cui divido la branda mi ha bloccato.

“Tu rinuncerai ai fumetti di Ratman!”
“Coosaa? Masseifuoorii??”
“Niente proteste, ho deciso così e così dev’essere!”
“Ma non posso rinunciare ai fumetti di Ratman! Cosa leggerò?”
“Non mi frega. Arrangiati.”

Ho tentato una mossa di sottile astuzia, chiedendo se potevo almeno continuare a comprare la copia del Ratto per un mio amico che vive all’estero, ma evidentemente il Subcomandante è più astuto di me, perché ha risposto che l’avrebbe presa lei, e se la sarebbe tenuta giù in negozio.

Era una tragedia, già mi vedevo a disegnarmi da solo le tavole di Ratman e poi rileggerle, e scoprire che non mi facevano ridere perché conoscevo già le battute, ma poi che storie avrei saputo inventare? L’unica che mi veniva in mente era quella di Kingpin che scopre l’identità segreta del Ratto e gli fa revocare la licenza di avvocato, ma avevo il sospetto che fosse già stata usata.

“Ti rendi conto che non sopravviveremo, vero?”
“Palle! I cubani ci riescono benissimo da decenni!”
“Ma i cubani stanno a Cuba! Mi ci vedi a suonare i timbales e cantare la bayamesa?”
“I timbales voglio suonarli io!”, ha detto El Bastardo.
“Io la chitarra! Io la chitarra!”, è saltato su One Eyed Jack.

A rimettere le cose a posto è stata, inaspettatamente, Morelia Toñita, rientrata dal giardino, che all’idea di dover cacciare lucertole per pranzo ha acceso la miccia della rivolta.

“Noi non accettiamo gli ordini di un tiranno senza cuore!”
“Io non sono un tiranno! Sono il capo della revoluciòn!”
“E allora viva la revoluciòn della revoluciòn! Libertà! Libertà!”
“Libertà!”, ha gridato subito El Bastardo.
“Libertà!”, mi sono aggiunto io.
“La chitarra!”, ha gridato One Eyed Jack, che come al solito era rimasto indietro.

In men che non si dica abbiamo catturato il Subcomandante e l’abbiamo legato alla sedia, poi Morelia è andata in giardino ad ammainare la bandiera dell’ECLN. Al suo posto avremmo voluto issarne una nuova, che ci rappresentasse, ma nella fretta di sovvertire l’ordine costituito non abbiamo pensato a niente. El Bastardo ha suggerito di disegnare una torre, che desse l’idea del fortino in cui ci siamo arroccati, “La Torre della Giustizia!”, ha esclamato. “La Torre della Libertà!”, ho aggiunto io. “Se non posso suonare la chitarra mi va bene anche il basso!”, ha detto il Guercio.
Sotto il simbolo abbiamo scritto anche un motto, ma non in latino, che poi la gente non lo capisce; abbiamo scelto un grido di battaglia che induca chi lo legge a prendere coscienza della realtà che lo circonda: “Svegliatevi!”

All’ombra della nuova insegna abbiamo letto alla nostra prigioniera una carta dei diritti in dodici articoli:

  1. I membri del rifondato ECLN dichiarano di essere liberi da ogni tipo di schiavitù, gerarchia, potere esterno che non sia la legge di gravità e le fluttuazioni del mercato dei croccantini;

  2. I membri del rifondato ECLN sono liberi di mangiare, bere, dormire sulla roba stirata, puzzare, perdere pelo, giocare ai videogiochi e leggere quanti fumetti vogliono;

  3. E di suonare la chitarra, o al limite il basso;

  4. Chiunque minacci la libertà del nuovo ECLN dovrà dormire sul divano, o non dormirci più, nel caso fosse One Eyed Jack;

  5. I prigionieri politici sono obbligati a lavare i piatti e preparare la cena per tutto l’organico dell’ECLN;

  6. Le scatolette di trippa fanno cagare;

  7. ..

“Oh il sette cosa ci mettiamo?”
“Che vogliamo la stufa accesa anche d’estate!”
“Ho detto di no! D’estate fa caldo!”
“Ma non è vero!”
“Vabbè, di solito fa caldo, e comunque siamo senza legna”
“Mettici che possiamo farci le unghie sulla sponda del divano!”
“Io non me le faccio le unghie!”
“E allora? Io non mangio la trippa, però ce l’abbiamo messo! Metti le unghie sul divano!”

  1. I membri dell’ECLN sono liberi di farsi le unghie sul divano tutte le volte che gli pare.

  2. ..

“Le unghie sul divano!”
“Ce l’ho messe! Guarda! Sono lì!”
“E sulle tende!”
“Cosa?”
“Le unghie! Voglio essere libera di farmi le unghie anche sulle tende!”
“Ma non ti basta il divano?”
“Eeh, ma le tende sono le tende.. Si muovono!”

Prima di arrivare a uno scisma abbiamo sospeso la redazione della carta dei diritti, ma contiamo di profilo feisbucctornarci quanto prima. Nel frattempo abbiamo modificato il profilo di facebook del Subcomandante, per far sapere a tutti che è nostro prigioniero, e poi siamo andati ad aprire la porta, che avevano suonato.

Erano due tizie con un giornale in mano che volevano parlarci della salvezza dello spirito.
Le abbiamo cacciate in malo modo, ma dopo dieci minuti abbiamo sentito suonare un’altra volta.
Erano altre due tizie che ci volevano spiegare come piacere a Dio.
Dopo di loro altri due personaggi ci hanno chiesto se sapevamo come avere una famiglia felice, e dietro si stava già formando una coda che arrivava in strada.
Il giardino si è riempito in un momento di tizi col borsello e un giornale in mano, che hanno preso a battere contro le finestre, a spingere per entrare.

“Macheccaz..”, ha borbottato El Bastardo, poi insieme abbiamo spinto il tavolo contro la porta.
“Devono essere invasori mercenari controrivoluzionari!”
“Neanche il tempo di cominciare che subito arrivano i norteamericanos!”
“Venderemo cara la pelle!”

Mentre scrivo queste note la battaglia infuria fuori dalla finestra. Il nemico è sempre più numeroso, ma lo sparuto manipolo di guerriglieri arroccato nel fortino della libertà non si arrende. Sappiamo che la notte lascerà il posto all’alba, e che col sole ritroveremo anche il coraggio per una sortita.

One Eyed Jack è convinto che domattina troveremo ad aiutarci la Foresta Incantata di Fangorn, ma secondo me ha visto troppa televisione.


Lolanda – Leiden, Amsterdam e ritorno

Mentre le donne sono impegnate nell’esplorazione dell’ennesimo supermercato io e Andrea ci riposiamo al bar di fronte. Ho con me il picino, così proviamo a collegarci a una rete wi-fi. Secondo lui i locali ne sono tutti forniti, e chiediamo alla cameriera se quel bar è uno dei tanti.
“Mi spiace, non sono di queste parti”, è la risposta.

Senza connessione stiamo a guardare fuori dalla finestra, e vediamo Michela stramazzare in mezzo alla via, vittima del ghiaccio. Scendiamo anche noi, ma senza ammucchiarci, e torniamo a casa, dove terminiamo la serata allietati da un racconto di Andrea a tema medico: quello di oggi si intitola “le meraviglie del riflesso gastrocolico”.

04/01/2010

Mi sveglio in piena notte dentro un buco, il materassino si è sgonfiato e mi ha fagocitato. Non mi metto a rigonfiarlo nel silenzio della casa, anche perché temo sia bucato, lo tolgo e dormo sul pavimento. Sogno di essere calpestato dalla banda dell’esercito compresa la grancassa, e la mattina sono una rosa.

Dopo la colazione scendiamo in giro per Leiden, e la prima tappa la facciamo al bar sotto casa. Io vorrei visitare le meraviglie della città, di cui ho tanto sentito parlare: la bancarella delle aringhe, il negozio di giochi da tavolo e quello di fumetti. Marzia mi porta a vedere dei mulini ghiacciati, dei canali ghiacciati, e quando ci raggiunge sua cugina esploriamo il supermercato Vroom. A fondo. Tipo tre ore più i supplementari, pranzo dentro e altri due tre giri per riambientarci gradualmente al freddo esterno, dove nel frattempo è scoppiata una tormenta di neve.

Io scappo prima, vado da solo a cercarmi i negozi, ma quello di fumetti è chiuso, quello di giochi da tavolo è stato ceduto, e la bancarella delle aringhe ha i sigilli della polizia perché ci è morto dentro qualcuno. Un cartello avvisa che alla riapertura le aringhe saranno vendute col 70% di sconto.

I prezzi olandesi sembrano mediamente più bassi, verrebbe voglia di approfittarne. Mi infilo in un negozio per skaters spacciandomi per giovane, attratto da un paio di cuffiette fighe che vorrei regalare al Subcomandante per fare carriera, ma costano quanto un trapianto di retina al mercato clandestino. Le regalerò un pacchetto di ciungai e camminare.

Non c’è altro da ricordare nella giornata, torniamo a casa stanchissimi e io vengo anche aggredito da Gattino, ma me la cavo con un’escoriazione profonda al piede destro guaribile in un paio di settimane portandomi immediatamente al pronto soccorso e pregando la madonna di Chihuahua, la protettrice delle escoriazioni ai piedi causate dai gatti sanguinari.

05/01/2010

Contrariamente alle nostre abitudini riusciamo a uscire di casa prima di mezzogiorno, e ci concediamo un’appagante colazione al bar sotto casa, un piccolo baretto figo della catena Bagels & Beans. Abitassi qui sarebbe una meta fissa ogni mattina, anche se non ci posso leggere gli articoli di Adamoli su Repubblica.

Prendiamo il treno per Amsterdam, che l’ultimo giorno vogliamo dedicarlo alla città, e come sempre restiamo delusi appena scendiamo dalla stazione: troppe macchine, gente, casino. Come già nella vacanza siciliana, quando lasciammo la tranquillità di Cefalù per la bolgia di Palermo, ci sentiamo spaesati dopo aver vissuto due giorni in una specie di presepe; il primo istinto è di tornare in stazione, fanculo alla missione di reclutamento. Il Subcomandante è mortificato più di me, era partita per mettere su un esercito e si è trovata a girare supermercati e cianfrusaglierie. Che andrebbe anche bene, non sa resistere alle cianfrusaglierie, ma almeno sperava di riuscire ad assoldare almeno un caporale fra un cappellino e una tovaglia.

Facendoci coraggio a vicenda ci inoltriamo nella via dei negozi di fronte alla stazione, percorrendola tutta dovremmo arrivare prima o poi al museo di Van Gogh, che se dobbiamo restare in questo casino di città almeno che ne valga la pena. A dire il vero io sono un bell’ipocrita di merda, che della pittura mi importa una sega, e vorrei vedere le donnine in vetrina, ma il quartiere a luci rosse è da un’altra parte, e devo fare finta di niente. Lungo il cammino però allungo il collo in ogni vicolo, sperando di sbirciare almeno una tetta.

L’odore di erba fa pensare a un pagliaio, ma molto più allegro. Ci sono parecchi italiani, chi con la canna d’ordinanza, chi col cellulare, entrano ed escono dai negozi mescolandosi con la gente del posto. Qui i miei compatrioti si sentono a casa, non perché riescano a comportarsi più civilmente che altrove, ma perché con tutti gli sconvolti che ci sono passano inosservati.

I negozi sono tutti identici, ad Amsterdam come a Leiden, o a Londra, e mi sa anche a Tokio: le stesse insegne campeggiano ovunque, e dentro ci trovi sempre le stesse cose. C’è la catena di articoli di lusso e quella di merce a basso costo, quella di saponi e quella di brioches, i cappelli, le scarpe, i cacciaviti, tutto standardizzato e ripetuto in serie in ogni strada o centro commerciale del mondo. Quello che distingue un po’ Amsterdam dalle altre località è la presenza costante di smart shops, quei negozietti che vendono chilum, ma ancora per poco, ormai stanno aprendo anche loro in altri Paesi, moltiplicandosi come funghi. Allucinogeni.

Il museo di Van Gogh è interessante, ma poco fornito, e le opere più importanti si trovano altrove. Per fortuna le ho già viste quasi tutte qua e là, e i dipinti esposti meritano comunque una visita. Un paio di volte resto lì a bocca spalancata per un quarto d’ora a contare ogni pennellata sulla tela, fino a scivolare dentro il dipinto e immaginarmi di essere in un campo di Arles, alla fine dell’Ottocento.

Invece quando esco dal museo sono ancora ad Amsterdam, e ne ho le balle piene, oltretutto ha cominciato a nevischiare, c’è pieno di ragazzotti in cerca di emozioni lisergiche e figa in serie, il Subcomandante mugugna e dobbiamo ancora fare la spesa. Sulla via per la stazione ci compriamo l’aringa, un trolley, due formaggette e visitiamo un paio di negozi pazzeschi di abbigliamento.

Torniamo a Leiden e facciamo ancora in tempo a visitare il negozio di giochi, dove mi compro Spank The Monkey, un gioco di carte che riempirà le nostre serate all’ECLN. Non ho visto le fighe in vetrina, ma alla fine va bene così.

Michela ha preparato la pastasciutta al sugo di funghi e pancetta, e la nostra vicina ci ha spedito un paio di foto di quei due bastardi di El Bastardo e Morelia Toñita a pranzo da lei. Altro che difendere il castello dagli imperialisti! Quando torniamo a casa gliela facciamo vedere, scrocconi che non sono altro!

06/01/2010

“Chissà se la befana mi ha lasciato qualcosa nella calza”, penso appena mi sveglio, alle quattro del mattino. Probabilmente no, le ho addosso da quando sono partito, se solo provasse ad avvicinarsi cadrebbe dalla scopa. La casa è silenziosa, anche Gattino sembra essersi dimenticato di noi. Ci vestiamo e usciamo quatti quatti, poi in strada trasciniamo i bagagli sull’acciottolato facendo un casino che sembra una corsa di camion della spazzatura.

All’aeroporto facciamo il check-in alle macchinette, dove ti permettono anche di scegliere il posto; ne prendo due più avanti possibile, perfino i piloti sono seduti alle nostre spalle, speriamo di non patire il freddo durante il volo.

A differenza della Malpensa, dove le poltroncine sono poche ed essenziali, qui puoi sbragarti in salottini sparsi per il terminal, oppure sulle chaises-longues appartatenegli angoli silenziosi. A quest’ora di mattina è tutto silenzioso, la maggior parte dei negozi sono chiusi, facciamo colazione in un bar dove riesco a farmi rapinare per un succo d’arancia che sa di segatura e un espresso prelevato direttamente dal serbatoio di un 737. Ci sono anche degli atleti in tuta rossa, forse una squadra di calcio, ma non ne riconosco neanche uno.

A bordo siamo seduti in due in un posto da tre. Per approfittare di tutto quello spazio mi tolgo le scarpe e mi allungo su due sedili, in una posizione invero scomodissima. Poi mi tolgo anche le braghe, ma il Subcomandante mi obbliga a rispettare il decoro.

C’è una lampadina che non funziona, o così sostiene il comandante. Bisognerà sostituirla e ciò comporterà un ritardo di circa mezz’ora. Già che son lì col cacciavite in mano spero che riattacchino anche la turbina qui a destra, che loccia un po’.

Mi faccio odiare dalla hostess che distribuisce caffè brodoso chiedendole un tè, e quando me lo porta mi dice che quello scaracco che galleggia nel bicchiere è in realtà una spruzzata di latte, all’inglese. Neanche con l’ingrediente segreto la mia bevanda riesce a somigliare a qualcosa di bevibile. Osservo Marzia che sorseggia il suo caffè, e mi chiedo se la ritroverò ancora viva all’atterraggio.

Finalmente ci mettiamo in moto, l’aereo comincia a rollare sulla pista, lentamente, e rolla, rolla, rolla ancora. Ma quanto cazzo rolla? Va bene che siamo ad Amsterdam, ma mi sembra che si esageri..

Capisco che qualcosa non va quando le hostess chiedono ai passeggeri una colletta per pagare al casello: torneremo a casa in autostrada!

Due ore più tardi arriviamo al confine con la Germania senza troppi problemi, tranne quando il pilota ha cercato di superare un camion e per non scontrarlo con l’ala è praticamente uscito di strada.
Per lo stessa ragione non ci si può fermare a nessun autogrill, e a bordo ci si arrangia come viene, si creano lunghe code davanti alla toilette e ci sono i soliti furbi che cercano di saccheggiare l’armadietto dei sandwich. Però è divertente, sembra di essere sul pullman della scuola, sui sedili in fondo ci si passano delle canne e qualche coppia attacca a pomiciare, e in business class hanno tirato fuori una chitarra e strimpellano pezzi dei Beatles.

Prima o poi arriviamo a Milano, ringraziamo il pilota e le hostess e andiamo a prendere il treno. Appena saliti l’odore di pisciazza ci commuove: siamo tornati a casa! Davanti a noi si siede una ragazza col cappello bianco, che si scappera per tutto il viaggio. Veniamo avvicinati anche da una tizia che vuole il latte in polvere per il figlio, da uno scarcerato ieri che ha i documenti per dimostrarlo e deve fare il biglietto, dal vecchietto chiacchierone, dal sordomuto che vende pupazzetti fatti da lui in Cina, da quello che si è perso, da quello che non sa dove deve scendere, da quello che non sa dove deve timbrare, da quello di prima che quando ha capito dove doveva scendere ormai eravamo ripartiti e vuol sapere cosa c’è dopo.

“Dopo Rogoredo?”, gli chiedo.
“Dopo la vita. Salterò dal treno in corsa e non è detto che sopravviva.”
“Scherzi? Alla velocità con cui ci muoviamo puoi tranquillamente fare una passeggiata lungo i binari e risalire con tutta calma.”

La neve ci saluta dalle parti di Voghera, e fino a casa sta lì fuori ad aspettare che scendiamo per ghermirci le scarpe, ma è neve familiare, il suo freddo lo conosciamo bene e sappiamo affrontarlo. Siamo a casa, ricominciamo a brontolare per le solite magagne, la stufa, il lavoro, il disordine, la cena, i gatti..

Alla fine l’ECLN conta tanti membri quanti erano prima, sono lo zoccolo duro, ci si può fidare di loro.

..Però a quei due bastardi la casa della Lella gliela faccio vedere io gliela faccio..


Lolanda – Partenza e Delft

Alle due del pomeriggio, sprangate porte e finestre della base, ciò che resta dell’ECLN dopo lo scisma si mette in viaggio. La fuoriuscita dal gruppo di Mikowski è stata un duro colpo da digerire, ben peggiore di quella di Jack Frusciante: fra tutti i membri del comitato il Rosso sembrava quello più votato alla causa, e vederlo cedere davanti a una cuccia comoda e una ciotola di croccantini di lusso era stato peggio che se ci avesse denunciati al governo fanfarone. Neanche il gringo Jack sarebbe stato capace di un simile atto di vigliaccheria.

Superato il trauma iniziale decidiamo di partire alla ricerca di un degno sostituito, e stabiliamo come terreno di ricerca l’Olanda. Non che sia un luogo pieno di rivoluzionari, ma è quello dove la cugina del Subcomandante è andata a vivere, e per risparmiare contiamo di imbucarci a casa sua.

Il viaggio fino all’aeroporto della Malpensa non fa rilevare alcunché, tranne che portarsi dietro il netbook è stata un’ottima idea, che fra i fumetti di Hellboy e una partita a World Of Goo la stazione d’arrivo si presenta in fretta. Fin troppo in fretta, maremmammaiala! A Milano Centrale dovevo comprarmi gli auricolari!

“Posso mica guardarmi un film in aereo con le casse del pc!”
“E chi te lo impedisce? Basta che non disturbi i vicini!”
“E’ il concerto dei Rage Against The Machine!”
“Guarda, là dovrebbero venderle.”

In effetti nel duty free dell’aeroporto gli auricolari si trovano anche, solo che chi li vende è consapevole di rappresentare l’ultimo avamposto del ladrocinio prima di mettere la tua vita nelle mani del fato, e ne approfitta fino alla vergogna, facendoseli pagare quanto un Vermeer.

“Li hai comprati gli auricolari? Hai guardato se funzionano?”
“Si, credo che l’attacco sia qui, vicino all’orecchino di perla.”

Il volo è difficile, abbiamo i posti sul corridoio che ci permettono di allungare le gambe, e anche stare sull’ala non disturba la visuale, che fuori è buissimo e nuvoloso, però intorno a noi è seduta una comitiva di ragazzotti milanesi così molesti, ma così molesti che i vuoti d’aria che ti fanno venire su il pranzo sono una piacevole distrazione dal loro ciarlare scemo.

Atterriamo ad Amsterdam. Il Subcomandante mi racconta che è uno degli aeroporti più grandi d’Europa, ma è buio, e il treno per Leiden sta per arrivare venti metri più avanti, perciò di questa meraviglia vedo molto poco. Mi basta per fare i dovuti confronti con gli aeroporti milanesi, dove per raggiungere la ferrovia (la ferrovia, non il centro cittadino) devi fare a pugni per guadagnarti un posto in pullman e poi viaggiare nel traffico per almeno mezz’ora.

Michela e Andrea ci aspettano fuori dalla stazione, nonostante l’aria pungente il Subcomandante cerca subito di aggregarli alla causa, raccontando cose inverosimili dell’Italia, tipo che l’economia sta andando a pezzi, c’è un razzismo dilagante che sembra ottant’anni fa, l’informazione libera è criminalizzata e il governo è in mano a una cricca di pregiudicati.

A casa ci ingozziamo di cibi sani, salame di parma e formaggio olandese, poi andiamo a dormire col gatto di casa appostato fuori dalla porta, pronto ad aggredirci per torturarci a morte. Dal nostro arrivo è un continuo evitare i suoi assalti all’arma bianca, ma Andrea dice che lo fa per conoscerci meglio. Evidentemente strapparci gli occhi sarebbe solo un modo di conservare un nostro ricordo.

Andiamo a dormire su materassini di plastica, indossando tute acriliche, coperti da sacchi a pelo sintetici. Ogni volta che mi muovo le mani mi fanno delle scintille che sembro l’imperatore Palpatine. Quando mi addormento sogno di essere Saruman, e mi sveglio di colpo che sto facendo il discorso dal balcone al mio esercito di Uruk Hai.

03/01/2010

Ci svegliamo a un’ora fra l’indecente e il vergognoso e ci mettiamo subito in marcia per Delft, una cittadina piena di canali dove i negozi sono aperti anche di domenica. Non compriamo niente, ma mangiamo un sacco di porcherie deliziose e ci facciamo delle pere di caffè che potrei stare sveglio fino al mio ritorno a casa.

La batteria della macchina fotografica mi saluta a metà gita, e non essendomi portato la ricarica posso solo raccontare quel che ho visto dopo, senza poter esibire alcuna prova.
Non ho fotografato:
– Natalie Portman che usciva da un bar ubriaca e mezza nuda e cadeva in un canale ghiacciato;
– un’esibizione del Cirque Du Soleil sul sagrato della chiesa;
– tre suore che regalavano preservativi;
– la batmobile fatta di stuzzicadenti;
– un incredibile e spaventoso incidente stradale scatenato da una bici che sbandando urtava una macchina, che per evitarla finiva nella corsia opposta, dove transitava un camion pieno di benzina, che si metteva di traverso svuotando la cisterna addosso a una comitiva di bambini dell’asilo che prendeva fuoco e correva via urlando, accendendo roghi in ogni strada e facendo intervenire una decina di camion dei pompieri, che a causa del ghiaccio si rovesciavano tutti insieme in piazza e accendevano gli idranti, che a causa della bassa temperatura ghiacciavano di colpo generando una fantastica scultura di ghiaccio su cui si riflettevano il rosso delle fiamme e il giallo dei lampeggianti, come in un’aurora boreale futurista.


couchsurfing

 C’è una tribù gallica che da qualche settimana si è accampata sotto casa nostra. All’inizio non ci abbiamo dato peso, buongiorno buonasera quando uscivamo e finiva lì, ma quando si sono messi ad alzare palizzate tutto intorno al villaggio abbiamo cominciato a preoccuparci. Qualche giorno fa ci hanno chiuso l’accesso alla strada, e quando sono uscito per andare a lavorare hanno preteso una decima. Me la sono cavata regalando loro Mikowski, che è bello grasso e dev’essere ottimo con le patate, ma la sera ne ho parlato col Subcomandante, e non è rimasta contenta.

“Cosa vogliono questi stranieri?”, ha esclamato, “Vengono qui e fanno il cazzo che gli pare!”
“Parli come una leghista”
“No, io ce l’ho solo con le etnie che non sono rappresentate al parlamento europeo, tipo i gringos americani o le ucraine beone!”
“Coi longobardi?”
“Anche con loro!”
“Con gli ittiti?”
“Eh certo, vuoi lasciar fuori gli ittiti?”
“Con gli etruschi?”
“Si, anche, ma meno. In fondo son sempre italiani.”
“Ho parlato col loro capo, Belloveso. Mi ha detto che sono dei carnuti”
“Che erano dei cornuti me n’ero accorta anch’io! E pure stronzi!”
“Nono, carnuti con la a. sono originari del nord della Francia.”
“E cosa son venuti a rompere le palle a noi a fare?”
“Vogliono visitare l’acquario, solo che gli alberghi di Genova sono tutti pieni, e allora si sono accampati nell’entroterra. Più precisamente nel nostro giardino.”
“Glielo do io glielo do! Gliela tiro giù quella palizzata!”

E mi mostra una cosa che ha trovato su internet.

“Una catapulta?”
“C’è questo sito, www.armidaassedio.it, che costruisce trabucchi e baliste a prezzi competitivi!”

Competitivi nei confronti di chi, le chiedo, che vorrei proprio vedere chi si va a comprare un mangano al giorno d’oggi. A parte Berlusconi, intendo.
Non mi sta neanche a sentire, è tutta esaltata per aver ordinato una catapulta, che dovrebbe arrivare in pochissimo tempo con un corriere espresso.
In quel momento le squilla il cellulare.

“E’ arrivata! È arrivata!”, strilla, correndo fuori.
In effetti è proprio il corriere, sta in mezzo alla strada con la faccia triste e guarda in su verso la palizzata del villaggio carnuto. Perché se è vero che noi non possiamo arrivare da lui è altresì vero il contrario, la nostra catapulta sta alla distanza di un villaggio gallico da casa nostra, inutilizzabile.

“Col cazzo! L’ho pagata in anticipo e me la prendo!”, grida il Subcomandante, seguita da me che le sbraito dietro “Coosa? Non hai richiesto il pagamento contrassegno? Masseiffuori?”.

Scende giù e si mette a picchiare contro il portone del villaggio, insultando tutto l’olimpo delle divinità galliche. Si vede che anche lei ha letto Asterix.
Evidentemente qualcuna l’azzecca, perché da dietro la palizzata qualcuno le tira addosso Mikowski, ancora vivo e vegeto. E pure ben pasciuto, si vede che ha trovato dei galli di cuore.

“Riprendetevi il vostro mostro!”, ci grida Belloveso, “Ci ha mangiato tutte le scorte di cibo! Ora dobbiamo smantellare e tornare a casa, o moriremo di fame! Maledetti!”

In quattro e quattr’otto i galli sgallano, la strada è di nuovo libera, e mentre il gatto Mikowski se ne torna ciondolando verso casa io e il Subcomandante restiamo lì a chiederci cosa ce ne potremo fare di una catapulta.

freedom for my people

Noto con dispiacere che Opera, il browser con cui ho deciso recentemente di viaggiare, non si trova a proprio agio con Splinder, e non riesce a visualizzare il pannello grigio con le dimensioni del carattere, l’impaginazione e il codice. Mi toccherà continuare a postare con ex-cesso-plorer e sperare che non mi si chiauda la pagina e mi mandi affanculo il lavoro.

Andiamo avanti, che la giornata di sole impone umori più positivi. Stamattina il raffreddore perenne, un gatto affamato e un cane agitato mi hanno costretto a una levataccia, dico, non erano neanche le nove! Tirati su, fai colazione e mettiti a far qualcosa, che domani il colonnello non abbia da rimproverarti.

E si perché in questo ponte primomaggiore i vertici dell’ECLN sono partiti per una missione nella città dove l’inverno è il più brutto d’Italia, e hanno lasciato armamentario e vettovaglie a totale disposizione del comandante sostituto: El Bastardo.

Che per fortuna è perennemente impegnato a cacciare ratti e mi lascia l’accesso al frigo, altrimenti avrei dovuto nutrirmi quattro giorni a croccantini.

Gli incarichi lasciati dal Subcomandante Marzia sono pochi ma perigliosi, si parla di ripulire le latrine della truppa e quelle del corpo ufficiali, di disboscare la vasta area denominata “la giungla giù di sotto” e quella più modesta ma parecchio più insidiosa chiamata “il giardino pieno di merda di gatto”. Inoltre avrò l’incarico di approvvigionare la base con acqua di fonte, raccolta in vetta, dove è più fresca. Che poi una volta portata a casa acquisisca la temperatura locale è irrilevante ai sensi della gloriosa impresa, che col suo fulgore e la sua gloria offuscherà quelle dell’esercito italico a Bengasi.

La giornata di ieri mi ha reso già parecchio, lasciandomi praticamente libero dalle incombenze e padrone incontrastato del mio cazzeggio, reale e virtuale. Quello reale per la verità si è limitato a scroccare qualche pranzo e partecipare alla serata Pizzard (pizza + Eddie Izzard) a casa di Siuìz, ma sul lato virtuale, ragazzi, quante soddisfazioni!

Mi sono preso un virus cercando di craccare l’ultima versione di un programma che presentava pochissime differenze con la versione precedente, ma vuoi mettere la soddisfazione di leggere ottantacinquepuntoquarantadue invece di puntoquarantuno?
Mi sono scaricato l’ultima puntata di Lost che devo tenere lì almeno fino a domani sera, sebbene abbia già visto che comincia con Jack che viene svegliato da una donna, e la cosa apra sconvolgenti rivelazioni sul futuro della serie, tipo chi è la donna, perché lo sveglia, perché lui stava dormendo, cosa stava sognando, avrà l’alito cattivo?
Ho scaricato le foto del Porale e devo ancora incollarle insieme in un’unica visuale panoramica dei monti sopra Ronco, ma come ho detto l’ultima versione del programma di cui sopra mi ha dato delle noie, e quella precedente, già installata da tempo e perfettamente funzionante, mi fa sentire un perdente e perdipiù vecchio, quindi aspetto di trovare altri software che mi restituiscano in altri campi quella sensazione di giovinezza e fichezza e alpassocoitempezza che mi spingano a rimettermi a lavorare.

Poi la truppa ha richiesto il mio intervento e ho dovuto piantar lì di cazzeggiare e liberare Mikowski dall’agguato tesogli dal sempre presente sempre bastardo Gattogrì, supportato nella sua losca impresa dal bieco Gattorosso Chetipicchia Apiunonposso. E’ stata la vedetta One Eyed Jack a richiamarmi al dovere, dall’alto degli spalti del giardino ha assistito impotente all’agguato, ed è venuto ad avvisarmi, essendo io in quel momento il più anziano in servizio. E si perché El Bastardo e Morelia Toñita De La Selva De Lacandona erano chissà dove, impegnati in chissà quale eroica missione.

Ho scoperto dopo che El Bastardo era dalla vicina a mangiare il nasello, e quella bagascia di Morelia di sopra a dormire. Dorme sempre quella, mi sorge il dubbio che prima di venire da noi fosse stata allevata da una famiglia di ghiri.

E basta, il mio tempo di cazzeggio volge al termine, altri faticosi compiti mi chiamano, è ora di tornare nell’agone.


è arrivata..

via balbi

rio corto

ponte

..e non a tutti piace.

el bastardo si lamenta


and the winner is..

Cosa c’è di più bello, la domenica mattina, che dormire fino alle dieci? Mentre nella via piano piano la gente comincia a uscire, si incontra e si racconta, tu sei raggomitolato al caldo, sprofondato nel cuscino, e quel chiacchiericcio distante ti solletica le orecchie, rendendoti l’ozio ancora più piacevole.
Anche a me piacerebbe passare una domenica così, ma mi è impossibile. Appena riprendo coscienza, che siano le due o le undici, sono costretto ad alzarmi dal mio naso, che cambiando il ritmo del respiro si riempie di liquidi che premono verso l’uscita, e restare orizzontale mi diventa impossibile.
Per non privare del piacere della domenica anche chi mi dorme accanto sono obbligato ad alzarmi.
Stamattina per esempio erano le sei e mezza. E cosa fai a quell’ora? One Eyed Jack ha un’ottima idea, a suo dire, e me la spiega scodinzolando davanti alla porta. Vabbè, ma è sempre la stessa idea che ti viene ogni mattina appena mi alzo!
Però non mi dispiace uscire a fare due passi, finché la via è deserta. Il vialetto sotto la ferrovia ha assunto i colori dell’autunno, e a quest’ora, immerso nella nebbiolina che sale dal torrente, sembra di camminare in una fotografia.
Anche El Bastardo partecipa alla gita, ce lo vediamo arrivare fra le gambe come una palla pelosa e quasi sobbalziamo; sono sicuro che l’ha fatto apposta, lui adora queste entrate ad effetto. Con un balzo va a sistemarsi su un paletto appoggiato alla ringhiera, e comincia a farsi le unghie, soddisfatto.
Una volta rientrati a casa e consumata una piccola colazione l’orologio rivela che sono appena le sette e un quarto. Fino alle undici non ho nessun impegno, che faccio?
Per esempio potrei raccontarvi..

di quella volta che ho vinto il Nobel per la Letteratura

1.
La sera del 13 aprile 2006, sulla strada che da Dresden porta al piccolo paese di Flugendorf, l’auto del professore di lettere antiche Hans Delbruck uscì di strada, forse a causa di una distrazione del conducente, e andò a schiantarsi contro un pulmino Volkswagen parcheggiato in una piazzola.
I due giovani a bordo del mezzo, una coppia di studenti, ne ricavarono ferite lievi, più che altro un grosso spavento e la delusione di un amplesso interrotto proprio sul più bello.
Molto peggio andò al professor Delbruck, che morì sul colpo.
La stampa non diede alcun peso all’accaduto, giusto un trafiletto sul quotidiano locale, ma in un ufficio di Stoccolma il telefono della signorina Ulla Lagerlöf diventò incandescente: la sua principale, Selma Engdahl, segretaria permanente dell’Accademia Svedese, era infuriata, e quando ciò accadeva Ulla era la prima persona a farne le spese.
“Il professor Delbruck faceva parte della giuria che deve assegnare il Nobel per la letteratura! Come facciamo adesso?”
Ulla ascoltava in silenzio, non si azzardava a interrompere la sua principale quando era di quell’umore, sapeva benissimo che avrebbe scatenato la sua ira incontrollata. Ne aveva già fatto le spese una volta, e da allora non si era mai più permessa di aprire bocca, neanche quando sembrava che la domanda prevedesse una risposta da parte sua, come ora. Non c’era mai una risposta, la signorina Selma Engdahl era convinta che nessuno meglio di lei sapesse come far funzionare quell’ufficio, e i suoi subordinati erano solo strumenti, alla stregua di macchine da scrivere, buoni esclusivamente per alleggerirle il lavoro. Si è mai vista una macchina da scrivere che risponde alle tue domande? Che si rende utile? Che pensa? Ulla era pagata per lavorare, non per pensare, e anche se questa continua vessazione la umiliava peggio che se fosse stata picchiata, accettava in silenzio, pensando che prima o poi avrebbe trovato la forza di andarsene di lì. Oppure sarebbe impazzita.
“E adesso sono solo tre i giurati ancora disponibili!”
Per forza, pensò Ulla, se componi una giuria di soli ultraottantenni non ti devi stupire se nell’arco di qualche mese dieci su quattordici ci lasciano le piume. La sua opinione era che la signora Engdahl non avesse la minima idea di come funzionava l’organizzazione del Premio Nobel. Suo padre si, era stato un ottimo datore di lavoro, arguto, intelligente, aperto ai consigli, ma da quando era morto, lasciando tutto nelle mani della sua figlia più grande, la situazione era precipitata. Questa cretina che aveva accumulato tutta la propria esperienza lavorativa dietro la cassa di un supermercato non aveva la minima idea di come si gestisse un evento di quella portata.
“Dobbiamo reagire!”
Ulla avrebbe reagito volentieri, se lo sognava la notte di reagire, sfondare a calci la porta dell’ufficio della sua principale, ribaltare la scrivania davanti ai suoi occhi spalancati e piantarle un tagliacarte nella gola, ma non prima di averle rivelato cosa pensava di lei, del nomignolo che le aveva coniato durante quegli anni, e che sussurrava ogni volta che riappendeva il telefono: Scorreggia di Renna.
“C’era quel sito che ci fa da sponsor, quello di appassionati di letteratura, prendi dei nominativi da lì, quest’anno nominiamo una giuria popolare!”
“Quanti ne devo prendere?”, chiese timidamente Ulla.
Scorreggia di Renna non aspettava altro per potersi sfogare.
“Macheccazzo ne devo sapere? Sono una segretaria io? Eh? Razza di deficiente! Prendi quelli che servono e lasciami in pace, che ho cose importanti da fare, io! Sono la responsabile del Premio Nobel, io!”.
Non c’era una vera ragione per cui Ulla decise di averne abbastanza, non dipese dal tono, o dalle parole che le vennero riversate addosso. Erano lo stesso tono e le stesse parole che si era sentita ripetere per dieci anni, solo che fino a cinque minuti prima era stata capace di sopportarle, ora improvvisamente non ci riusciva più.
La reazione più comune sarebbe stata quella di andarsene, mollare il lavoro e non tornare neanche a prendersi lo stipendio, ma Ulla voleva terminare quell’ultima incombenza, era una donna disciplinata, e proprio non ci riusciva a piantare un lavoro a metà. Restò seduta ancora un po’ a pensare, poi scrisse un paio di lettere, che avrebbe spedito una volta uscita da quella porta per l’ultima volta:
una era la convocazione a partecipare a una giuria popolare, l’altra la sua lettera di dimissioni.

2.
“Guarda un po’, ti è arrivata una lettera dalla Svezia”, mi disse Marzia un sabato mattina.
“Sarà una pubblicità dell’Ikea”, risposi, continuando a trafficare sulla tastiera del pici.
“Sulla busta c’è scritto Svenska Akademien, mi sa di no. Dev’essere pubblicità di qualcos’altro”.
La lettera all’interno diceva più o meno che ero stato scelto per far parte di una giuria popolare che avrebbe dovuto assegnare nientemeno che il Premio Nobel per la Letteratura.
“E lo mandano proprio a te?”, mi chiese Marzia sbalordita. “Cosa ne sai tu di come si assegna un nobel?”
“Credo sia perché mi sono iscritto a quel sito di letteratura, è uno sponsor della cerimonia.”
“Quello che pubblica le sceneggiature dei suoi iscritti?”
“Tales From The Script, si, ma le mie non le hanno mai pubblicate, quegli stronzi!”
“Grazie, gli hai mandato le Nuove Avventure di Godzilla, ci voleva un bel coraggio!”
“E perché? Erano storie di un personaggio leggendario ambientate in una realtà più attuale!”
“Dì piuttosto che erano espedienti per far morire tutte quelle persone che ti stanno sulle balle! Come si chiamava la prima avventura? Godzilla Sull’Isola Dei Famosi?”
“No, quella era la seconda. La prima si chiamava Godzilla Contro I Pokemon”
“Hai dato addosso a chiunque, i cabarettisti che non fanno ridere, i pubblicitari che inventano spot cretini, i sampdoriani..”
“Erano storie che rispecchiavano i malesseri comuni dell’uomo moderno! Andavano lette in una chiave più critica! Soppesate!”
“Ma come fai a soppesare Godzilla Contro Il Partito Democratico! È ridicolo! Voglio proprio vederti a giudicare delle opere serie.”
“E cosa ci vuole? Basta votare come ha fatto quello prima di me, la frase da tenere a mente è ‘Io la penso uguale a lui!’”
Marzia mi vide sobbalzare:
“Che succede? Ci chiedono dei soldi?”
“Ci invitano a Stoccolma! Viaggio e soggiorno gratis per una settimana!”
Stavo parlando da solo, Marzia era già di sopra a fare le valigie.

3.

La signora Selma Engdahl non parlava una parola di italiano, palazzo accademiama tutto il suo imbarazzo mi venne trasmesso dall’interprete, che cercava di spiegarmi che c’era stato uno spiacevole disguido, una cosa mai accaduta prima di allora, e che erano tutti terribilmente mortificati.
“Che succede? Ci chiedono dei soldi?”, mi domanda Marzia da dietro. Ultimamente abbiamo avuto delle spese, e siamo diventati molto sensibili sulle questioni di denaro.
“No, dicono che c’è stato un casino, la loro segretaria ha combinato qualcosa, e insomma che io sono l’unico giurato”.
“Tu? E adesso? Come fai a giudicare obiettivamente dei libri che non hai neanche letto?”
“E’ quello che mi hanno chiesto anche loro, si sono raccomandati caldamente di essere onesto e obiettivo, di ricordarmi che sono responsabile dell’assegnazione del premio più importante del mondo, di valutare con attenzione tenendo sempre bene in mente che l’opinione pubblica di tutto il pianeta mi sta osservando, che da me dipende il destino di autori vessati dal proprio governo, le idee delle generazioni future, la linea commerciale di migliaia di case editrici, la scaletta di milioni di trasmissioni televisive..”
“Insomma, ti ha detto di non fare cazzate.”
“Non preoccuparti, ho già una mezza idea”

4.
Quando mia mamma accese la televisione e vide la mia faccia sullo schermo ebbe un mezzo accidente, poi si rese conto che quello non era un servizio di cronaca nera, ma di cultura, e allora si riprese, ma solo finché la conduttrice non lesse la notizia, a quel punto svenne.
Al mio rientro in Italia erano tutti ad aspettarmi all’aeroporto, amici, parenti e giornalisti, tutti a tempestarmi di domande, come mi sento, cosa farò ora, a chi dedico il premio, se mi sembra etico assegnare un premio così importante a sé stessi.
A quest’ultima domanda mi arrestai e tornai indietro fino a raggiungere il giornalista. Era un inviato del Tg4.

“Tu non ti devi permettere”, gli gridai contro puntandogli addosso il dito, “Perché io sono una persona per bene, e tu sei solo un coglione!”
“Non hai capito la domanda”, fece lui tranquillo, “Ti ho chiesto se ti sembra etico assegnare a sé stessi un premio così importante”
“Ah, scusa, avevo capito Viva Vittorio Mangano.. Ecco, il fatto che la giuria fosse composta esclusivamente da me.. posso immaginare che abbia scatenato delle polemiche.. e ci mancherebbe.. anch’io al vostro posto avrei pensato male.. ma voglio rassicurarvi, il premio al mio libro Acapistrani è stato assegnato in piena obiettività, senza pensare minimamente ai vantaggi che mi avrebbe portato”
io, emma e il nobelIl giornalista parve rassicurato, e mi lasciò andare.
Davanti alla porta di casa stava il mio editore, indossava un mantello di ermellino e una corona tempestata di rubini. Lo scettro l’aveva lasciato sul cocchio, posteggiato lì accanto.
L’aveva presa bene..
“Ti ho preparato una serie di serate nei salotti migliori, e anche una collana editoriale dal titolo ‘Scelti dal nobel’, e ti sto facendo costruire un ufficio in un’ala del castello dove trasferirò la casa editrice, ci ho messo anche l’idromassaggio..”
In casa trovai un paio di centraliniste a rispondere al telefono, mi mostrarono la lista delle chiamate ricevute fino ad allora, era lunga tre quaderni. Sfogliandola trovai nomi illustri, Dario Fo e Harold Pinter volevano complimentarsi, Saramago mi dava del pagliaccio. Poi c’erano i luminari italiani, Bevilacqua stava raccogliendo firme per farmi ritirare il premio ed espellermi dal Paese, Maggiani, Ferrero e la Maraini mi denunciavano per danni all’immagine della letteratura italiana che essi rappresentavano. Moccia mi chiedeva una copia autografata del mio libro, Pontiggia si era suicidato e mi chiamava per dirmelo.
Nei giorni seguenti il mio libro balzò ai primi posti delle classifiche, come previsto, io partecipai a ogni genere di trasmissione culturale, compreso Portaaporta, Marzia venne invitata in quelle più mondane, nelle vesti di Compagna del Nobel. Dopo le prime intemperanze nei confronti di multinazionali illegali, governi bastardi e sfruttatori, e presidenti di lega mafiosi, cominciò a venire invitata in quanto Compagna e basta, e ben presto si ritagliò un suo spazio in un ambito più politico, cominciò a raccogliere sostenitori e si buttò in politica con lo slogan “Salviamo gli italiani da sé stessi”.
La popolarità toccò anche Morelia Toñita De La Selva De Lacandona, che si affrettò a dare alle stampe il libro-scandalo “El Bastardo, la mia vita accanto a un despota”, al quale fece immediato seguito il diario verità dell’accusato “Il croccantino logora chi non ce l’ha”, quindi entrambi si rivolsero a Fabrizio Corona per essere presi sotto contratto.

L’unico che non cercò di approfittare della situazione fu One Eyed Jack, che se ne stava tranquillo nella sua brandina a dormire.

5.
Ma si sa, la notorietà di un Premio Nobel dura poco, non può competere con i pesi massimi che arrivano dalla televisione. Appena si concluse l’ennesima edizione del Grande Fratello i miei spazi sui media subirono un calo vertiginoso, l’inizio del campionato di calcio mi diede il colpo di grazia. Tentai di riciclarmi come opinionista in una trasmissione sportiva, ma venne fuori che non parteggiavo per una squadra da alta classifica, e mi sostituirono con la mascotte del Milan, un pupazzone a forma di diavoletto che raccontava barzellette spinte e faceva le corna alla telecamera.

Ai miei compagni non andò meglio, Marzia non superò lo sbarramento per presentarsi alle politiche, e già in seno al suo partito stavano nascendo movimenti scissionisti, ebbe il buonsenso di farsi da parte prima che la situazione precipitasse e qualcuno invitasse Mastella a entrare nello schieramento; El Bastardo e Morelia Toñita scoprirono che il cerone che ti spalmano per apparire in televisione impiastrava loro il muso, rendendoli dei mascheroni bruttissimi, e questo non li aiutava a diventare più simpatici, tanto che non li presero nemmeno a Zelig.

Fu a quel punto che scoprimmo che One Eyed Jack aveva firmato un contratto miliardario con la Luxottica per farle da testimonial. Mentre noi ci sbattevamo per ottenere il successo lui lo aveva aspettato in panciolle, e adesso ci guardava attraverso il suo monocolo da sole firmato Ferrè.

Ci lasciò una mattina, saltando sulla sua Harley e sparendo insieme a una levriera, verso una nuova vita.


stasera cena fuori!

Crisi in cucina, quando la ricetta per un piatto semplice semplice da far trovare pronto al capo al suo rientro si rivela una trappola mortale. Avrei dovuto immaginare che il libro “In cucina con Mr.Bean” non è indicato per un consulto credibile.
Quando me ne sono reso conto il danno era fatto, mezzo frigo era già assemblato in un tegame dall’aspetto orrendo, e privo di sapore, roba che neanche One Eyed Jack, sebbene abituato a saltare pasto per giorni, e quindi disposto per fame a mangiare qualunque porcheria, si è azzardato ad assaggiare. Me l’ha liquidato con uno sguardo che riassumeva il concetto di “Piuttosto mi mangio una zampa”.
Ochei, rifacciamo, butta via tutto e nascondi le tracce prima del ritorno a casa del Subcomandante. Se c’è una cosa che la fa imbestialire è che qualcuno le faccia casino in cucina. Intruglio nella spazzatura, spazzatura nel bidone dei rifiuti umidi in fondo alla strada, bidone dei rifiuti umidi giù nel fiume, che non si sa mai. Poi la cucina, che sembra l’inizio di Lost. Qui c’è poco da fare, un’impresa di pulizia a pieno regime non la riporterebbe agli antichi splendori in meno di mezza giornata, e io ho solo un’ora scarsa.
Che fare? L’unico modo perché non si noti il disordine della cucina è coprirlo col disordine del resto della casa. Per ottenere questo un’ora è più che sufficiente!
Venti minuti più tardi la casa è in condizioni inimmaginabili, letto disfatto, vetri sporchi e roba fuori dai cassetti, il gabinetto tappato e puzzolente, gli specchi pieni di ditate, tutti i cuscini del divano in terra, e sporcizia e polvere e ragnatele ovunque posi lo sguardo. Non per vantarmi, ma ho un certo talento per queste cose.
E adesso preparare di nuovo la cena, via!
Con quel poco che ho salvato della dispensa, vale a dire delle castagne mezze secche, la buccia di una patata e un pezzo di salsiccia ancora congelato, non ci si può realizzare un piatto da gourmet, ma una volta a militare il cuoco della caserma mi rivelò che il segreto per mascherare la scarsità di ingredienti è coprire tutto con un sapore forte, perciò caccio tutto in una pentola e ci vuoto dentro un barattolo intero di cannella, uno di curry e delle noci moscate. Pepe non ce ne metto, che dicono faccia male al cuore.
Viene su un odore che impregna le pareti e ti si avvinghia alla gola, striscia lungo il soffitto e si spinge ad annidarsi su tende e poltrone. Dopo questa ricetta la casa sarà ridotta alla pari di un tugurio di Calcutta, devo impedirlo! Spalanco le finestre e lo faccio uscire, ma la vicina si affaccia a chiedermi se per caso non stiamo ospitando un santone.
“No, signora, sto cucinando”, le rispondo.
“E checcazzo stai bollendo, Sandokan?”
Quando ritengo che il mio intruglio sia diventato commestibile spengo la fiamma e avvicino le narici prudentemente.
La zaffata mi stordisce per alcuni secondi, nei quali immagino di essere l’addetto alla pulizia del recinto degli elefanti al circo.
Troppo speziato, meglio diluirlo con qualcosa. Il tempo stringe, e sottomano ho solamente dell’olio e una bottiglia di birra. L’alcool è meglio tenermelo per dopo, quando dovrò doparmi per sostenere l’estenuante predica della mia fidanzata. Vada per l’olio allora, mezza bottiglia dovrebbe bastare, una bella mescolata e via, servire caldo.

Marzia arriva un quarto d’ora più tardi, gli occhi le lacrimano per l’odore acre che permea le stanze, ma è talmente intenso da rincoglionirla quel che basta perché non noti il caos. Mi saluta con l’espressione della ciucca migliore, poi crolla sulla sedia. Ochei, o la va o la spacca, e non dico in senso figurativo.
Con un cucchiaio di legno servo la “pietanza”, che scivola nel piatto come un cobra di bitume rimasto coinvolto nel crollo di un negozio di spezie.
Marzia guarda prima il piatto, poi me. Io guardo lei, poi il piatto, poi di nuovo lei. La mia coscienza è divisa in due, una parte di me vorrebbe evitarle di avvelenarsi, in fondo è la persona con cui voglio trascorrere il resto della mia vita, ma nello stesso tempo il mio orgoglio di cuoco esige soddisfazione.
I sentimenti riguardanti il mio stomaco invece sono chiari, e ruotano intorno all’istinto di conservazione: stasera salto pasto.

In uno stato mentale decente non ci sarebbero dubbi, Marzia salterebbe in piedi e caccerebbe prima un urlo, poi la cena nel cesso, poi me di casa, ma coi sensi ottenebrati dalle spezie resta pacifica, e diligentemente prende il cucchiaio e lo infila nel blob che ha davanti.
E’ troppo unto perché si riesca a tirare su, ci riprova una, due, tre volte, poi l’aria pesante e carica di sostanze ha la meglio, e si accascia priva di sensi sul tavolo.

E’ andata, la lascio priva di sensi in cucina, con le finestre spalancate, e me ne vado a dormire: voglio dimenticare quest’incidente quanto prima.
Ahimè, non ho considerato che le spezie indiane possiedono un’altra caratteristica, oltre a quella di coprire i sapori. Me ne accorgo a luce spenta, quando una sagoma scura si avvicina al letto mimando una danza erotica, e mi sussurra con voce suadente di prepararmi alla venuta di Kalì.
Non ricordo chi sia questa Kalì, ma immagino la protagonista di qualche pornazzo indiano.
Questa serata la ricorderò a lungo, penso, già soddisfatto dell’inaspettata svolta che ha preso, ma quando la mia fidanzata entra nel cerchio di luce proiettato dalla finestra le vedo gli occhi iniettati di sangue, e soprattutto il pugnale che tiene in mano, e ricordo tutti insieme i romanzi di Salgari, e il culto della dea, e mi sa che il ricordo della serata sarà brevissimo.


ziggy played guitar..

Se nei ranghi dell’Ejercito Cadigattista si è sviluppata una pericolosa agitazione la colpa è solo di Panchin, perché se si fosse ricordato di prestarmi Guitar Hero per playstation tutto questo non sarebbe successo.
Avrei messo alla prova le mie doti di ludochitarrista, mi sarei stancato dopo due tre pezzi, avrei restituito il gioco con qualche frustrazione in più e tutti avremmo ripreso la nostra esistenza senza incidenti.

Invece Panchin il gioco non me l’ha più prestato, e ho dovuto arrangiarmi da solo.
Mi sono chiesto “Chissà se esiste un gioco analogo per pici? Ochei, non avrò il joypad a forma di chitarra, ma chi se ne frega, sarà solo un po’ meno divertente..”
E ho trovato Frets On Fire, un programmino gratuito molto diffuso in rete, benché io non ne sapessi niente, che ti permette di scaricarti le canzoni e suonarci sopra esattamente come fai con Guitar Hero quando Panchin si ricorda di portartelo.

E la quiete alla sede dell’ECLN è finita.

Appena il Subcomandante ha provato l’ebbrezza della chitarra elettrica si è sentita invadere dalla febbre del rocchenròl, e non si è più staccata dal monitor.
Inutile dire che il resto della truppa le è andato dietro, e da lì a fondare un gruppo musicale digitale è stato un attimo.

Adesso quando entro in casa sembra il backstage del festival di Woodstock, tutti hanno uno strumento in mano o stanno in coda per accaparrarselo, canticchiandosi nel frattempo una melodia possibilmente anni 60, meglio se rivoluzionaria.

posterIl Subcomandante, che muove meglio degli altri le dita, si è impallata con Jimi Hendrix, e ieri l’ho beccata a cercare di dar fuoco alla tastiera, dopo un’ispiratissima versione di Purple Haze.
El Bastardo e Morelia Toñita De La Selva De Lacandona hanno messo su un complessino e suonano pezzi degli Animals. All’inizio ne faceva parte anche il nuovo arrivato, One Eyed Jack, un gringo convertito alla causa, ma per quanto adattatosi alla vita di trincea, pur sempre un gringo, con gusti musicali da gringo. E’ stato spedito quando ha cercato di far suonare ai compagni un pezzo west coast.
Ora se ne sta tutto solo in giardino suonando brani da Pet Sounds, dei Beach Boys.

“E’ solo una moda, passerà”, mi sono detto, e ho assistito passivamente a questo sfogo collettivo, ma col tempo la situazione è andata peggiorando. Anche l’aspetto di casa si è allineato seppur lentamente a quest’atmosfera da festival estivo, sono comparsi pantaloni a zampa buttati sulle spalliere delle sedie, e un portacenere finora intonso ha presentato inequivocabili tracce di spinello. Impossibile risalire al colpevole osservandone l’apertura delle pupille, da quando è scoppiata la beat revolution tutti i membri dell’ECLN girano con occhiali da sole, tranne One Eyed Jack che porta il monocolo.
vintage
E poi tende colorate a fiorelloni, incenso acceso ovunque, e un misterioso pulmino Volkswagen rosa giallo e verde posteggiato in strada, carico di fricchettoni sbucati da chissà dove.
Per forza, mi hanno riferito degli amici che in stazione sono esposti manifesti vintage che parlano di una tre giorni di pace e amore e musica nel nostro giardino, e la cosa ha attratto appassionati da tutta europa.

Non so se sono ancora in tempo per rimediare e riportare la truppa sulla via della ragione, e anzi, temo che le cose finiranno per peggiorare ulteriormente. Ho scoperto infatti, scorrendo le canzoni del gioco, che oltre alla parte beat ne esiste una ben più nutrita sezione heavy metal.
Mi aspetto da un momento all’altro di vedere il furgoncino tedesco sostituito da una squadra di Harley Davidson, e i manifesti in stazione celebrare un imminente Monsters Of Ronk!