Archivi tag: giornali

così vediamo dove siamo e dove stiamo andando, così impariamo ad imparare e a sbagliare sbagliando.

In Italia siamo 60 milioni di persone. Di queste meno della metà (23 milioni) ha accesso a internet. Di queste solo 2.5 milioni legge articoli di informazione non provenienti dalle grosse testate, si fa un’idea più libera dai condizionamenti (sarà poi vero?). 2.5 su 60 milioni. Dove vogliamo andare?

È bello mettersi lì e condividere l’articolo del “giornalista indipendente che dice la verità”, ci fa sentire parte di un movimento di risveglio collettivo del Paese, ma la verità è che siamo quattro poveretti, che leggono, si incazzano e condividono sempre fra loro quattro. Una piccola comunità di rancorosi che si fa le seghe sognando la rivoluzione. Perché gli italiani sopportano tutto senza lamentarsi? Come fanno a non rendersi conto che la merda li ha sommersi? Come respirano? La repubblica è diventata un’oligarchia, un sistema feudale in tutto simile a quello di mille anni fa, col signore che comanda i vassalli, che dai loro ministeri e commissioni gestiscono la selva di valvassori, portaborse, che dirigono aziende in cui assumono con contratto a lacrime i servi della gleba.
Ma va tutto bene, siamo in fondo alla piramide, abbiamo la libertà di spostarci per il Paese e mugugnare quanto ci pare, perciò siamo liberi. Non importa che ci sia stata tolta la possibilità di essere rappresentati in politica, di avere dei diritti come lavoratori, di nascere, di non nascere, di morire quando ci pare, di curarci come vogliamo, di pregare chi vogliamo o di non pregare affatto, di migliorarci, di sentirci uguali ai nostri vicini europei se non di quell’uguaglianza verso il basso.
Va tutto bene, dedichiamo a chi si lamenta un’occhiata infastidita, come al bambino capriccioso sull’autobus, e continuiamo a giocare col nuovo telefonino senza tasti che con meno di un euro ti fa anche da navigatore, con meno di un altro euro fa le foto vintage, con meno di un altro euro ti fa vedere gli highlights della partita, tutte spese ridicole che ci fanno sentire parte di una grande comunità felice. Poi in macchina ringhiamo a chiunque ci attraversi la visuale, a quello che sorpassa e dove cazzo avrà da correre, a quello che rallenta e allora fermati già che ci sei, a quello che svolta e la freccia te l’hanno insegnato a cosa serve o no, a quello che posteggia in doppia fila e ci vorrebbe un vigile, al vigile che proprio te doveva fermare perché non se ne stava al bar come tutti i suoi colleghi.
Siamo un popolo strano noi italiani, e a quanto pare ci va bene così, ne siamo anche fieri, tanto che quando andiamo all’estero ci offendiamo se qualcuno ci tratta meno che da popolo eletto e libero di schiamazzare sporcare pretendere obbedienza, però quando incontriamo degli altri italiani fingiamo di non conoscerli, scuotiamo la testa e rispondiamo in un’altra lingua quando ci chiedono dov’è un bar che trasmetta la partita della Nazionale.
E a quelli cui non va bene così? Alla segretaria che si chiede perché il suo stipendio sia la metà di quello di un’inglese, perché il treno che la porta in ufficio debba avere sempre un quarto d’ora di ritardo, perché bisogna prendersi mezza giornata di ferie per rinnovare la carta d’identità, perché bisogna sempre accontentarsi del poco perché “vai a vedere come stanno in Cina prima di dire che stai male”. Ma che c’è solo l’Italia e la Cina? Perché non ci confrontiamo un po’ con l’Olanda, per dire?

Gli scontenti se ne stanno seduti a leggere, non si accontentano della visione ottimistica della televisione, e credono che si possa migliorare, e che le cose come stanno non stanno bene, e si rodono e si pongono le stesse domande che mi sono posto io oggi. E come me non si rispondono, si limitano a far girare l’articolo del giornalista controcorrente che dice che sarebbe ora di ribellarsi, dicono che si, sarebbe ora di ribellarsi cazzo, scrivono anche due pagine piene di livore sul loro blog dove ripetono che oh, ma ci vogliamo svegliare cazzo, e..

..

..

..e basta. E non succede altro. Loro continuano a stare incazzati a leggere i blog dei loro simili, e il resto degli italiani, il 97.5% che non si pone questi problemi fa altro, va al mare, pulisce casa, guarda la tele, si prepara per uscire con gli amici, prenota al ristorante. È felice, in genere, e gli va bene così, fintanto che il suo stipendio gli permette di organizzarsi le ferie e cambiare macchina se ce n’è bisogno.

Ochei, ho buttato delle percentuali a cazzo, ma non credo di allontanarmi tanto dalla realtà, e comunque non mi interessa quanti, ma chi, e soprattutto come, vorrei capire come si può uscire da questo torpore, da questa dimissione civica, come l’ha chiamata Saramago, possibilmente senza armare un esercito o andare a mettere bombe sui treni.

Ho pensato che bisognerebbe stampare le cose che leggiamo, gli articoli che ci fanno incazzare, quelli che consideriamo utili a una causa, quelli che raccontano le cose come stanno, bisognerebbe stamparli e fotocopiarli e abbandonarli in giro sui treni sugli autobus nelle stazioni, appenderli alle vetrine, prendere l’abitudine di tirar fuori dalla rete i pensieri importanti e portarli a chi la rete non la usa. Magari uno se li legge intanto che va a lavorare, magari si fa qualche domanda, chissà che uno non lo convinci a mangiarselo il prosciutto, invece di stenderselo sulla faccia.

Perché secondo me la maggior parte delle persone non è stupida o cattiva o egoista, è solo troppo pigra per rimettersi a ragionare, e lascia che siano altri a dir loro cosa fare, a chi dare fiducia e chi considerare una minaccia. Le persone sono troppo prese a fare troppe altre cose per cercare la verità dietro le parole scritte grosse, per leggere anche quello sotto il titolo, andiamo avanti a comprare mucche su facebook, a condividere appelli per la bambina malata di leucemia che ci fa sentire tanto buoni senza perdere più di un minuto, e peccato che sia una cazzata che gira da quindici anni, e che sarebbe bastato perdere un altro minuto per verificarlo, non ce l’abbiamo anche il tempo per quello. Una zingara ha cercato di rapire una bambina? Zingari di merda. Era una palla, ma non importa, intanto zingari di merda resta. Le moschee sono pericolose per i cittadini, gli immigrati sono pericolosi per i cittadini, l’influenza suina, i comunisti, la magistratura, da chi dobbiamo guardarci fra una partita di calcio e l’altra? La maggior parte delle persone è questo che fa, segue la regola alla base dell’economia, il massimo risultato col minimo sforzo (cerebrale).

Svegliateli. Ma non su internet, là fuori, dove le pecore vivono e mangiano e si incontrano. Scrollateli, mostrate loro dove stiamo andando, obbligateli a guardare nel buco dove vivono, spingeteli ad alzare la testa, convinceteli che si può.

E già che ci siete rigategli il suv.

Annunci

Facci ridere

Il Buon Vecchio Zio Facci, giornalista de Il Giornale (c’è una contraddizione in termini in questa frase o lo vedo solo io?), pubblica il suo commento alla notizia del prossimo sciopero dei bloggers contro il decreto alfano (minuscolo un po’ per mancanza di rispetto, un po’ perché mi piacerebbe che fosse una legge in vigore solo sulla base lunare di Spazio 1999), dove dice che è una cazzata, che internet va regolamentato, ma soprattutto che lui stesso è vittima di continui attacchi:

“Così pure, sono abbastanza certo che Gilioli la vedrebbe diversamente se fosse capitato anche a lui quello che capita a me da anni solo perché un giorno ebbi l’impudenza di criticare Beppe Grillo; gli racconterei, cioè, la lotta contro i mulini a vento per impedire che ogni notte, sull’enciclopedia Wikipedia, sotto la voce che porta il mio nome, dovesse leggersi che assumevo abitualmente stupefacenti o fossi sessualmente perverso. (…) Provi a digitare il mio nome in chiave di ricerca, Gilioli, e poi mi dica che cosa dovrei fare secondo lui: tenendo ben conto che non ho mai querelato nessuno in vita mia né vorrei farlo.”

Ochei, io ci ho provato, sono andato su google e ho digitato Filippo Facci.

Su wikipedia, al posto della sua biografia, ho trovato questo:

“Attenzione: questa pagina è stata oscurata e bloccata a scopo cautelativo a seguito di minaccia di azioni legali contro i redattori della voce e/o Wikimedia. Verrà eventualmente ripristinata alla fine della vicenda che la riguarda.”

Uno dei due scrive cazzate.


cartaccia

Ma che razza di giornalista pone 10 domande a berlusconi e si limita a interrogarlo sui suoi rapporti con una ragazzina? Come se non ci fossero mai stati altri interrogativi! Voleva fargli delle domande? Benissimo, facciamogliele, ma non limitiamoci a spettinarlo, tiriamo fuori tutta la merda che ha seppellito in giardino e infiliamocelo dentro con tutta la faccia!

Ecco tre domande che vorrei fargli io:

1. Com’è possibile che David Mills sia stato condannato per aver accettato una tangente da lui e lui continui a proclamarsi innocente?

2. Essendo la tangente stata pagata per testimoniare il falso in due processi a berlusconi per corruzione, finanziamenti illeciti al psi e falso in bilancio, si evince che il presidente del consiglio è colpevole anche di quei reati. Passi il primo, per cui la cassazione l’ha assolto, ma dagli altri due capi d’imputazione se l’è cavata solo depenalizzando il reato. E’ giusto sostenere che questo fa di lui un pluripregiudicato, che evita la galera solo grazie al potere di cui è stato investito?

3. E restando in tema di pregiudicati, vogliamo parlare dei suoi rapporti con Vittorio Mangano, pluriomicida legato a cosa nostra? O dei suoi rapporti con Marcello Dell’Utri, suo stretto collaboratore, condannato per concorso in associazione mafiosa, frode fiscale, tentata estorsione, e altre robette?

Cominciamo a rispondere a queste, e poi potremo anche occuparci dei suoi rapporti con una ragazzina, e delle altre "piccolezze" che lo riguardano, frequenze televisive occupate abusivamente, finanziamenti scaturiti da chissà dove, informazione incatenata, fino all’immagine del Paese all’estero gettata alle ortiche.


a proposito di redattori burloni

Dopo l’articolo sulla Carfagna, anche repubblica.it vuol dire la sua:

redattori burloni


malinteso

Ma sono io stronzo o l’articolo qui sotto si presta a diverse interpretazioni?

papa terremoto

Certo, nessuno va a pensare che il papa mescoli cadaveri col cemento, una persona così potente non ha bisogno di simili mezzucci per insabbiare le proprie malefatte, ma se al suo posto ci fosse un altro personaggio?

lucky terremoto

Ochei, chi è lo stronzo adesso?


troverà un lavoro?

ANSA- Giovane ucciso a Genova: omicida di 17 anni confessa
GENOVA – A soli 17 anni ha chiuso la bocca per sempre, con una sola coltellata al cuore, al rivale di 22 che gli aveva soffiato la fidanzatina di 15. Sia l’omicida, che e’ stato fermato in poche ore dagli agenti della squadra mobile ed ha confessato, sia la vittima sono sudamericani, immigrati regolari e ben inseriti a Genova: il minorenne e’ uno studente ecuadoriano, il morto Marcos Javier Camarena Jimenez, era di Santo Domingo, operaio attualmente disoccupato.

 


soddisfatti o rimborsati

Da IL GIORNALE di oggi:

Così i rom vendono i bambini
Nel marzo scorso furono arrestati a Nocera sei zingari coinvolti nella vendita di due bambini per 28mila euro. Ma il giro sarebbe più ampio e in vista ci sarebbero le manette per altri complici. Sconcertanti le intercettazioni della trattativa: «Ti porto il pacco appena ce l’ho: è bellissimo, con i capelli neri». Trovata anche una ricevuta di pagamento per 28mila euro.

E pensare che neanche il mio panettiere me lo fa sempre, lo scontrino.