Archivi tag: splinderdimmerda

sono le ventitrè e trentasette

E trentotto, che un minuto è passato a correggere il font e la dimensione, che tutte le volte che esci dalla finestra o cancelli ti si azzera e butta tutto all’arial. Non che abbia qualcosa contro l’arial, sia chiaro, che poi mi telefonano quei fanatici, le SSS, Sostenitori Sans Serif, una specie di talebani grafici che lottano per eliminare le grazie dai caratteri, “uno stupido orpello chiaro manifesto della decadenza occidentale”, e mi minacciano di eliminarmi le mie di grazie, che la prima volta non ho capito e me lo son dovuto fare spiegare, e loro mi hanno raggelato spiegandomi quali fossero le cose che mi sporgono dal corpo come le grazie nei caratteri.
L’ho subito raccontato alla mia fidanzata, e lei mi ha consolato dicendomi che parlavano di grazie, non di disgrazie, perciò al limite mi avrebbero tagliato solo il naso. Non l’ho capita subito, ma poi ci son rimasto più male di prima.
Sono le ventitrè e quarantotto, ci ho messo dieci minuti a scrivere il paragrafo di cui sopra, così suddiviso: cinque minuti a scriverlo e cinque a rileggerlo e sfrondarlo delle parole in eccesso, che quando scrivi una cosa, fosse anche solo la lista della spesa, devi stare attento al ritmo e alle ripetizioni: il tuo lavoro è come un bonsai, perché duri mille anni devi potare le foglie inutili con estrema attenzione.
Seguendo queste rigide indicazioni sono andato a comprare e ho portato a casa un peperone, un pomdoro, un fusillo (non pagato, che per non comprare tutta la scatola l’ho aperta di nascosto e me lo sono infilato in tasca), una mutanda (per fortuna quella la vendono con due buchi, sennò pensa le risate a infilarsela) e una forma di parmigiano. Marzia mi ha detto che è l’ultima volta che mi manda a far la spesa da solo, che lei il parmigiano non lo può mangiare, poi mi ha preparato la pasta al sugo con quello che avevo comprato: il risultato era una broda infame su cui galleggiava tristissimo il povero fusillo. Ho dato tutto al cane e sono uscito a comprarmi una pizza, solo che l’unica pizzeria a Ronco è gestita da un tizio che somiglia un po’ a calderoli e che ci mette due ore a prepararti una margherita. Buona eh? E non so neanche se il tizio in questione sia effettivamente leghista, però due ore sono troppe, oggettivamente. Credo dipenda dal fatto che il pizzaiolo ha un braccio solo, e ogni volta che deve infilare la sfoglia nel forno non riesce a maneggiare la paletta e fa cadere tutto per terra, poi ricomincia dall’inizio e al terzo fallimento telefona alla pizzeria di Busalla e si fa portare quello che hai ordinato.
Insomma che sono andato in pizzeria, ma dopo due ore non c’era ancora niente, così ho proposto al pizzaiolo di mandare me a ritirarla, che magari a Busalla avevano il locale pieno e non riuscivano a mandare nessuno, e lui ha accettato con gioia, mi ha anche dato cinque euri di mancia, ha insistito, ha detto “per la benzina!”. A Busalla non ho trovato parcheggio vicino alla pizzeria, perché quella sera c’era la festa di leva dei ragazzi del novantuno, tutti neomaggiorenni e neopatentati, che volevano provare l’ebbrezza di farsi prestare la macchina dai genitori. Erano venuti tutti da soli in auto, anche quelli che abitavano dietro la pizzeria, che per non sfigurare con gli amici avevano raccontato in casa che sarebbero andati a cena a Cuneo.

PAPA’ – Ma come a Cuneo?
FIGLIO – Eh si, la pizza di Cuneo è troppo più buona.
PAPA’ – Belin ma fino a Cuneo? Possibile che non ci sia una pizzeria decente prima di Cuneo? Questa qui sotto fa schifo? Ma proprio a Cuneo?
FIGLIO – Mamma, diglielo tu!
MAMMA – Lascia stare Mario, son ragazzi.

Non trovando posteggio ho cominciato anche un po’ a incazzarmi, che quando non mangio divento nervoso, non so perché, Alessandra dice che sono gastropatico, perché una volta gliel’ho raccontato io convinto che fosse un po’ come metereopatico, una cosa che riguarda l’umore; ora che ho scoperto che è più una cosa tipo tumore allo stomaco quando glielo sento dire mi tocco con discrezione.
Un quarto d’ora più tardi giravo ancora per Busalla borbottando parolacce e augurando gastropatie a pioggia, avevo ancora fame e mi sarei mangiato qualunque cosa avessi ritenuto commestibile, anche uno spinterogeno col ketchup, così mi sono deciso ad estendere la mia ricerca ad altri generi alimentari, compresi quelli non originari del territorio. Era solo un complicato giro di parole per dire che con i cinque euri del pizzaiolo monco ci usciva un kebab dal kebabbaro di Busalla, che tiene aperto fino a mezzanotte, poi chiude, fa un giro di straccio e riapre dopo mezz’ora col locale tirato a lucido e un nuovo pezzo di carne a girare sullo spiedo. Nessuno sa come faccia, qualcuno parla sottovoce di magia nera marocchina, ma secondo me lui è egiziano e c’è di mezzo la maledizione di Tutankhamon.

Con la pancia finalmente piena sono tornato a casa. Marzia era già andata a dormire, così mi sono messo su un film, che dopo il kebab ci vuole un film, lo dice un antico proverbio giapponese che mi sono inventato ora, e ho scelto la seconda parte del film sul Che. La prima l’avevo vista al cinema un casino di tempo fa, ma mi ricordavo abbastanza bene come finiva, perciò non avevo problemi a cominciare questo anche dopo una lunga pausa. Oltretutto la seconda parte riprende proprio dove si interrompe la precedente: quella là finisce con dei titoli che scorrono e questa comincia con un titolo che sta fermo, sempre bianchi su sfondo nero, così è più facile.
Mi è piaciuto questo film, anche se il finale mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca: non mi aspettavo che morisse, alle elementari la maestra ci aveva spiegato che ad un certo punto il Che abbandona la lotta armata e diventa una congiunzione.

Sono le zero e trentadue, ho portato a spasso il cane dopo Tutankhamon e adesso concludo e vado a dormire soddisfatto.

 

Annunci

la sconfitta del Pablog

E’ inutile, ormai devo ammetterlo anche con me stesso, e non solo coi giornalisti che affollano il mio vialetto: il Pablog non ha più senso di esistere, tanto vale chiuderlo.

Perché il blog è un mezzo di comunicazione ormai superato, ci sono i tumblr, c’è feisbucc, c’è twitter, strumenti con cui puoi dire quel che ti pare in una riga, senza doverti sbattere a comporre frasi, mettere la punteggiatura, addirittura andare a capo!

E poi non c’è questo cazzo di impaginatore automatico di splinder che ti fa saltare una riga ogni volta che schiacci invio, poi no, poi si di nuovo, in base a come si svegliano la mattina i gestori del sito.

E basta, via, non c’è più speranza per i blog, oramai viviamo in un mondo frenetico in cui nessuno ha più voglia di andare a capo, si usano le k al posto delle ch, per essere amico di qualcuno ti basta sapere cosa sta facendo in quel momento in tre parole, e dei blog non frega più niente a nessuno.
E’ naturale che anche il Pablog subisca la crisi in corso, e accetti il suo declino come un inevitabile segno dei tempi.

Peccato, perché mi sarebbe piaciuto continuare a scrivere le mie cazzate e magari diventare uno scrittore famoso, magari essere interpellato un giorno sul treno da una fanciulla fascinosa che passa, mi vede, si ferma e mi fa:

– Ma tu sei Alessandro Baricco!
– Veramente no – faccio io, un po’ scazzato. Che non mi va di spacciarmi per un altro e rifulgere dell’altrui gloria. E poi proprio Baricco, dai, con tutti gli scrittori simpatici che ci sono!

Solo che lei insiste – Ma si che sei Baricco! Hai i riccioli! – come se gli scrittori si dividessero in due categorie, quelli pelati e Alessandro Baricco. In un mondo così gli scrittori dai capelli a caschetto non sarebbero considerati tali, e ci sarebbero frotte di malintenzionati parrucchieri appostati davanti a casa di Federico Moccia, armati di pettine e phon.

– E stai anche scrivendo su un quadernino!

Non mi va di spiegarle che sto andando allo stadio, e sul quadernino appunto magari la probabile formazione, o faccio il sudoku, e lei si siede. E cosa può fare un povero scrittore sconosciuto seduto su un treno con una bella ragazza che non chiede altro che di conoscerlo e poi magari giacere con lui, anche se probabilmente non lì, che i sedili sono tutti sporchi e chissà che malattie si possono prendere due che ci giacessero insieme sopra?

– Vabbè dai, sono Alessandro Baricco.
– Lo sapevo! – esulta lei, battendo le mani tutta eccitata – Vai a Genova per lavoro?

Evidentemente una sciarpa rossoblù, un berretto con un grosso grifone sopra e un maglione con scritto a caratteri cubitali Gradinata Nord non le fanno venire in mente altro che uno che sta andando a lavorare. Non sarebbe neanche sbagliato, se fosse la società calcistica a pagare me e non il contrario.

– Più o meno. Sai, vado a girare un po’, in cerca di ispirazione.. Qua e là..
– Per il tuo nuovo romanzo! Di cosa parla? E’ ambientato a Genova? Quando esce? Che personaggi assurdi ci sono? Un conte che ha perduto la memoria delle scarpe? Una donna incinta di un quadro? Un bambino che gioca col suo babau? E come si intitola? E sarà più fantastico di Oceanomare? Più sognante di Seta? Più arrabbiato di Castelli Di Rabbia? Più noioso di City?

Si, ma io mi aspettavo una bella ragazza compiacente e più che altro silenziosa, che si limitasse ai fondamentali: “Sei Alessandro Baricco! Scopami!”, non uno spruzzatore fonetico! Per farla smettere di parlare dovrei spararle, e ho soltanto una penna. Forse potrei piantargliela in un occhio..

E’ un fiume ininterrotto di sillabe quello che mi sta riversando addosso, cerco di infilare un piede, piano piano, per passare di là, ma la corrente è impetuosa e finirebbe per trascinarmi via.

– Il.. il titolo.. il..

Niente da fare, non si ferma mai, e dove vai a Genova, e conosci qualcuno, e io ho lavorato in una libreria, e hai mai letto questo, e hai mai visto quest’altro, e checcazzo! Le mollo un calcione su uno stinco, e prima che possa riprendere attacco a parlare io.

– Il titolo non ce l’ho ancora, di solito lo decido alla fine. E anche la trama, per adesso è più che altro un’idea. Per questo sto andando a Genova, per..
– Assorbire l’atmosfera! E’ così! E poi la trasformerai, la plasmerai in quel modo così unico che hai tu di raccontare le cose, fatto di sensazioni così solide da poterle toccare, e quei personaggi così incredibili, che non li troveresti mai in nessun altro libro, perché solo nei tuoi trovano una loro ragione di essere, con quelle atmosfere rarefatte che solo tu sai descrivere così bene, con quei colori tenui come un quadro ad acquerello..

Ma chi ho incontrato, una bella ragazza incredibilmente logorroica o la versione letteraria della Cancellieri? Riattacca a parlare e ancora una volta quello che dall’esterno potrebbe sembrare una conversazione amichevole si trasforma in un monologo ossessivo. Sta cominciando a rompermi il cazzo questa qui, bella o no, preferivo come stavo prima, con la sola compagnia del mio quaderno con l’elastico e la penna che scrive male.

– La conosci bene Genova?
– Si, certo – rispondo meccanicamente, prima ancora di rendermi conto che ha smesso di parlare.
– E perché la conosci bene, se sei di Torino? Ci hai abitato?
– Ci ho abitato? Ah si, certo, ci ho abitato. Da studente, sai..
– Ah, e dove abitavi?

Non è che voglia proprio inventarmi una balla gigantesca; certo, la propensione innata a raccontare fesserie mi spinge sempre a portare ogni dialogo sulla supercazzola, ma stavolta ci sono trascinato di peso. Un disegno sempre più preciso si delinea in me, per ogni parola che aggiungo. Non devo fare altro che raccogliere i pezzi che la mia mente mi offre, e legarli insieme.

– Stavo con una persona che abitava alla Foce.
– Ah si? – fa lei – Con una persona?
– Si, è stato il mio amore più grande, sai, una di quelle passioni travolgenti che ti avvolgono come una slavina su una pista da sci, e ti fanno sentire freddo, bagnato e senz’aria, ma che sono così belle che non puoi farne a meno.

Mi guarda con la bocca spalancata, già partita per vivere il nuovo romanzo di Baricco confezionato solo per lei. A quanto pare le storie d’amore tormentate esercitano sempre una forte attrazione sulle menti deboli. Come un novello Obi Wan Kenobi piloto i suoi pensieri verso una direzione che io ho stabilito..

– Sai, era una persona veramente speciale, così piena di passione, di stimoli, forse è a lei che devo il mio mestiere di scrittore. Forse ho cominciato a riportare i miei pensieri perché ne producevo così tanti da non riuscire più a contenerli.
– E come si chiamava questa persona? – mi chiede con voce sognante.
– Luigi.

Il ritorno alla realtà è così violento che le fa sbattere la schiena contro il sedile. Mi guarda come se l’avessi schiaffeggiata, il suo scrittore preferito, colui che cucina i cuori delle donne nella fricassea dell’amore ha avuto un’esperienza omosessuale!
Continuo a parlare, bene attento a non cambiare tono di voce, cerco di trasmetterle quella carica di sentimento che anela di ricevere, e pian piano la vedo che si lascia andare, si abbandona ancora una volta alla fantasia.

– La cosa incredibile era che la differenza di età fra di noi sembrava sparire. Era così intelligente, e dolce, e premuroso, e aveva delle mani talmente leggere, mioddìo..

La ragazza torna a dondolarsi nel cuore del racconto, una fantastica storia d’amore più forte di ogni pregiudizio; si abbandona un’altra volta, socchiude gli occhi, e capisco che è arrivato il momento della spallata finale:

– Non avrei mai creduto che un ragazzino di dodici anni possedesse tanto amore. Credo che la mia passione per i minorenni sia nata allora.

Si alza di scatto, prende la borsa e la giacca e fa – Devo scendere alla prossima, arrivederla! – e io posso tornare a scrivere le mie cazzate in santa pace.

In fondo mi spiacerebbe non diventare uno scrittore famoso, quasi quasi il blog lo tengo aperto ancora un po’.


Spassky e la Crocerossa

E’ natale, siamo tutti più buoni, e anche una pellaccia arida e cinica come il sottoscritto, in questo periodo dell’anno, è solita abbandonare la sua consueta freddezza, per abbandonarsi a gesti di generosità inconsulta.

L’unica eccezione la faccio per i programmatori della finestra di splinder, che maledico ogni volta che dopo uno spazio perdo la formattazione e torno a scrivere in arial, che sia natale o ferragosto.

Che poi non è mica vero che sono un cinico bastardo, ma ho visto che ti fa guadagnare un sacco di lettori, e siccome ho deciso che il mio blog dovrà diventare più famoso di quello del fintobastardocinico per eccellenza, colgo l’occasione.

Comunque è natale, siamo tutti più buoni, e anche io ho deciso di rendere felice il mio prossimo, soprattutto dopo aver letto questa lettera, giuntami addirittura dalla fredda Russia:

Hi

Il mio nome e` Elena, ho 32 anni e vivo in provincia russa. Io lavoro in una biblioteca e dopo il mio lavoro mi ha permesso di utilizzare computer quando e` possibile.
Ho trovato il vostro indirizzo in internet e ho deciso di scrivere questa lettera.

Ho 7 anni figlia di Angelina, suo padre abbandonato noi e vivere con mia madre.

A causa della crisi nel nostro paese di mia madre perso posti di lavoro e la nostra situazione e` diventata molto difficile.

Il prezzo per il riscaldamento o per la nostra casa e` molto elevato e non possiamo permetterci piu`.

L’inverno sta arrivando e meteorologiche diventano ogni giorno piu` freddo. Siamo preoccupati se la temperatura sara` molto freddo nella nostra casa, non sappiamo come sopravvivere.

Abbiamo bisogno di stufa portatile che danno calore dal legno che brucia. Abbiamo molti legno nella nostra regione, ma non siamo in grado di acquistare la stufa nel mercato locale, perche’ i costi equivalente di 192 euro e molto costosa per noi.
Se avete qualche vecchio portatile stufa a legna, io prego che potete donare a noi e organizzare il trasporto di questa stufa al nostro indirizzo. Viviamo 200 km da Mosca.le due poverelle
Questi forni sono diversi, di solito hanno fatto da ghisa e peso circa 100kg.

Ho scaricato la nostra immagine per sito web gratuito e si puo` vedere a
https://lepablog.files.wordpress.com/2008/12/dtovbrl3chl547f8oannwxqxo1_400.gif

Ho tradotto questa lettera alla lingua italiana con computer-traduttore e vorrei apprezzare se si puo` rispondere alla mia lettera in lingua inglese, perche’ non so di lingua italiana.

Mi auguro di sentire presto da voi e vi auguro un Buon Natale.

Elena.

La situazione è chiara a tutti, no? C’è questa tizia che si chiama Elena, ha 32 anni, ne ha 7, e vive con sua madre che si chiama Angelina. Il padre (di chi?) l’ha abbandonata, probabilmente perché schizofrenica, e la poveretta chiede aiuto.
La situazione dev’essere peggiorata, perché il paese di sua madre è in crisi e non c’è più lavoro, o forse perché sua madre è in crisi e per questo il paese ha perso lavoro, non è chiaro, ma si capisce benissimo che le due donne non si possono più permettere. Cioè, una volta si, che potevano permettersi, ma adesso basta, non si possono più permettere. Dev’essere molto difficile prendersi delle confidenze, in Russia..
Il fatto grave, però, è che l’inverno è alle porte, e in confidenza c’è il rischio che Elena e Angelina non sopravvivano all’inverno. Avrebbero bisogno di una di quelle stufe che generano calore bruciando legna, che sono aggeggi in ghisa difficilissimi da procurarsi. Io per dire in casa ne ho una che genera freddo tenendosi dentro la legna spenta, e anche quando riesco ad accenderla tuttalpiù riesce a generare fumo. Tantissimo. Quasi quasi gliela spedisco.
Comunque mi sono messo lì, e siccome mi sentivo tanto buonino le ho risposto nel mio inglese stentato:

Dear Elena,
Your letter touched me deeply, and I would be very happy to help you.
I’ve got an iron stove that I don’t use anymore, because in my town there has been a nuclear blast last year, and since then the temperature goes never under 113° F (45° C).

If you give me your address I’ll immediately send you a big stove with DHL.
They apply high fares based on weight, so I’ve planned to send you the stove divided in several pieces, to save some money. When you receive all of them (they will be more or less 12.500) you will just have to reassemble it with vinilic glue, or some tape.

Please let me know quickly, so I will begin to cut the stove.

Pablo

Spero tanto che la mia offerta di generosità possa giungere a compimento, e che la povera Elena dall’età estremamente variabile riesca a superare incolume questo gelido inverno russo.
Anche voi cari lettori, se avete una stufa che vi avanza, un termosifone con seimila chilometri di tubo, legna no che ne ha anche lei, non esitate, infilatela in una bella busta e speditela prontamente alla nostra amica Elena. Le farete passare un Natale più felice, e anche voi vi sentirete subito meglio!

rewind

Già ero.. seccato (esiste un termine più fedele per “disappointed”?) che il post che volevo scrivere se lo fosse preso qualcun altro, e senza neanche la possibilità di lamentarmi, che non puoi protestare quando il tuo pensiero emigra nella testa di chi ti vive accanto, conferma solo che siete molto simili, ma il pezzo che avevo cominciato, e che si intitolava Impressioni di Settembre, è stato inghiottito dalla rete per colpa di un errore di splinder che non sto a spiegare perché non sono un noiosissimo ingegnere. Parlava del perché non scriverò quello che mi gira in testa da giorni, riguardante le bellissime sensazioni che mi riaccendono certe canzoni.
Che tutto è cominciato da quando ho cambiato la musica nel telefono, che me la ascolto in treno, la domenica, mentre vado allo stadio, e poi ancora allo stadio, mentre aspetto il mio socio, anche se lì è più complicato, con tutta la gente che parla chiama grida canta offende Cassano, ci vorrebbero delle casse grosse così.
E’ un peccato che non possiate leggere che i primi due brani di cui avrei parlato se il mio post precedente fosse ancora vivo fossero quelli di cui non avrei potuto parlare perché già recensiti dalla mia fidanzata, perché secondo me, quando passa in cuffia, Last Minute è una perla elettrica, in cui ogni componente, la musica, le parole, l’arrangiamento, la metrica, contribuiscono a farne una delle più belle canzoni italiane degli ultimi anni. E non vedo l’ora di essere seduto nelle prime file del Carlo Felice (in galleria no, che ha un’acustica che fa cagare) per ascoltarla dal vivo.
Poi sarà perché viene subito dopo nella lista di brani, o perché le chitarre producono un suono molto simile, ma ultimamente ogni volta che ascolto quella canzone mi viene da andarmi ad ascoltare Cowgirl in the Sand.
Che io Neil Young l’ho scoperto tardi, durante un rigetto per tutta la musica che avevo in casa, e che conoscevo ormai a memoria. Ricordavo di lui una vecchia ballata, Harvest Moon, uscita in quel 1992 foriero di tante novità, prima fra tutte Mtv Uk, che mi arrivava attraverso le frequenze di Telecittà. Fu una rivoluzione per me, che non avevo mai visto un videoclip intero, e muovevo allora, con molto ritardo, i primi passi nel mondo della musica oltre quelle tre quattro cassette che giravano per casa.
Ecco, la passione per quel canadese anarchico è rimasta in incubazione per più di quindici anni, e adesso sta maturando.

E poi, se volessi scrivere ancora quel post a tema musicale, chiuderei con un brano che mi gira nelle orecchie almeno un paio di volte al giorno, e che sarebbe il titolo di un post che non scriverò probabilmente mai: Sympathy For The Devil.
E di cosa puoi parlare in un pezzo che si intitola così? Di Berlusconi? Di Ming The Merciless? Naah, anche riferendosi al più subdolo dei manigoldi faresti un torto al più elegante, astuto, affascinante dei cattivi, il Grande Cornuto, e di conseguenza anche a questo pezzo, che del personaggio ispiratore mantiene inalterata la classe, che scuote senza eccedere, che trasmette tutta l’energia di quarant’anni fa, esattamente il 6 dicembre 1968, senza mostrare la tela neanche su una nota.

Ecco, mi sarebbe piaciuto scriverlo, un omaggio alla “musica che mi gira intorno”, ma è già mezzanotte passata, e quello che avevo cominciato a scrivere è andato perso.

Pazienza, sarà per un’altra volta.


basta

No, è inutile, io ci rinuncio, non posso perdere delle ore a scrivere e poi regolarmente cancellare tutto perché la freccina del maus se ne va dove cazzo vuole lei. Avevo cominciato un post, breve, chiaro, dove dicevo una cosa su Capperthon, e mi si è chiusa misteriosamente la finestra.
Mi ci sono rimesso con un post molto articolato in cui descrivevo la mia frustrazione per il lavoro appena perduto, che è una cosa che mi fa girare vorticosamente le balle, e quindi mi mettevo con calma e proprietà di linguaggio a spiegare cos’è Capperthon, facendo riferimento anche ad alcune cose di contorno che non c’entravano un cazzo ma facevano colore, e sul più bello, invece di cliccare sulla scheda in alto a sinistra sotto la barra dei pulsanti, in cui avrei copiato l’indirizzo del post cui linkarmi, ho cliccato sul logo di splinder appena sotto, e mi ha rispedito alla pagina principale, cancellando altri dieciminutiunquartodora di lavoro fruttuoso.
E allora vaffanculo, molto meglio blogger, che se cambi pagina per sbaglio e poi torni indietro te lo ritrovi.

E di Capperthon parlerò stasera quando tornerò dal lavoro.
Cazzo.