Archivi tag: tirannosauri

pussa via!

Non capisco perché continuiate a venire su questo blog che è chiuso e tutto il suo materiale è stato spostato sul blog nuovo dove c’è già un sacco di materiale inedito tipo racconti con svolte di rara sofferenza che qui se non ci ridiamo sopra signora mia è un attimo a finire in quella fogna dove una volta ci sta perché “è necessario che ciascuno scenda una volta nel suo inferno”, ma due vuol dire che sei scemo e non hai dignità e hai voglia a dire alla Donna  Senza Dignità che non ce l’ha se poi tu fai uguale, sebbene, va riconosciuto, rispetto a quelle lande desolate dell’animo umano tu ancora spicchi, ma che merito sarebbe, è come sfidare un tirannosauro a braccio di ferro, e non ho detto tirannosauro a caso, che in quei momenti quando ti prende la domandona esistenziale “ma tutte io le trovo?” il ricordo torna a quando i bestioni zannuti calcavano la prateria e c’era sempre il sole anche quando pioveva, mica come adesso che tanta precisione meteorologica non sa restituire una briciola di azzardo, ti dice che piove e piove davvero, nessuna sorpresa, l’unico coup de théâtre è talmente mediocre che sembra improvvisato e pure male da qualcuno che non ha capito il senso del copione, ma non è colpa loro Vostro Onore, sono questi nuovi cantanti che scrivono canzoni che non si capisce il senso, e uno deve tirare a indovinare, e finisce che alla ragazza che gli piace le dedica una canzone convinto che dica la vita senza di te fa schifo e scopre che quella ha capito sei una povera stronza capricciosa, o viceversa, non so, con questi artisti giovani e scapestrati ho delle difficoltà, mi organizzo per andare al concerto e limonare una e per la fatica di interpretare i loro testi mi trovo ancora a casa mentre la tizia in questione è là che si slinguazza a elica Coso, non ricordo bene, è una questione di qualità e io sono un paracarro, guarda un po’ a volte le curve della vita, stai sulla tua corsia e ti investe un pullman pieno di Hobbit in gita al nord che l’ha presa un po’ larga, ma se vai dietro anche a loro non vivi più, perciò ragazzi, grazie per le continue visite e le iscrizioni a questa pagina, ma il pablog si è trasferito a un altro indirizzo, venite a trovarmi di là che vi racconto due cose.

http://www.pablog.it